Navigation

Il sangue in ospedale arriva con il drone

Contenuto esterno

Le consegne urgenti di sangue tra un ospedale e l’altro in Ticino saranno presto effettuate da droni. Non c’è ancora il via libera definitivo di Berna ma la sperimentazione partirà tra breve e coinvolgerà i nosocomi luganesi Civico e Italiano.

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 marzo 2017 - 18:36
tvsvizzera/spal con RSI (Quotidiano del 14.3.2017)

Numerosi i vantaggi che si profilano dal profilo operativo ed economico dall’utilizzo dei velivoli radiocomandati a fini sanitari. In caso di interventi d’urgenza occorrono infatti analisi immediate dei campioni prelevati dai pazienti e attualmente solo il laboratorio dell’Ospedale Civico di Lugano è aperto 24 ore al giorno.

Ma il traffico, soprattutto in certi orari, e le distanze possono far perdere tempo prezioso mentre un drone impiega, ad esempio, solo un minuto per percorrere i tre chilometri che separano i due principali nosocomi luganesi. E il costo del velivolo sarà rapidamente ammortizzato visto che oggi questo tipo di trasporto viene effettuato con taxi.

La sperimentazione riguarderà inizialmente solo le analisi di laboratorio ma un domani i droni potrebbero essere utilizzati per la consegna rapida di sacche di sangue o persino di organi da trapiantare. 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.