La televisione svizzera per l’Italia

Spacciatore morto durante l’arresto, assolti sei agenti a Losanna

Manifestazione all esterno dell aula penale.
Manifestazione all'esterno dell'aula penale. © Keystone / Jean-christophe Bott

I sei poliziotti imputati per la morte, avvenuta nel 2018, di un nigeriano durante un fermo sono stati assolti dal Tribunale distrettuale di Losanna.

Secondo la ricostruzione dei fatti, Mike Ben Peter, che nascondeva in bocca palline di cocaina, ha opposto resistenza durante il suo arresto. Per contenerlo, la polizia lo ha malmenato e ha fatto uso di spray al peperoncino, prima di immobilizzarlo a pancia in giù e ammanettarlo. Il 40enne straniero era successivamente morto per arresto cardiaco.

Nell’atto di rinvio a giudizio il procuratore Laurent Maye accusava i poliziotti di omicidio colposo. Ma lunedì il colpo di scena: lo stesso Maye ha ritirato tale capo d’accusa: le perizie hanno infatti dimostrato che il fermo in posizione prona non basta, da solo, a spiegare la morte di Mike: manca il “nesso di causalità” necessario per poter portare a un omicidio colposo.

Una opinione, questa, ripresa in toto anche dai giudici del tribunale losannese: “Il Tribunale non può discostarsi dalle perizie medico legali”, ha affermato il presidente della Corte Pierre Bruttin. L’arresto cardio-respiratorio sarebbe quindi avvenuto indipendentemente dalla posizione di Mike.

Secondo la corte gli agenti non hanno nemmeno violato l'”obbligo di prudenza”. Su questo punto i giudici si sono discostati dal Ministero pubblico, secondo il quale la polizia ha tenuto Mike troppo a lungo sulla pancia.

Da parte sua, il legale della famiglia della vittima aveva chiesto una condanna per l’omicidio intenzionale con dolo eventuale. Dal suo punto di vista, sostenuto anche da alcune decine di manifestanti che si sono riunite davanti al tribunale, la polizia ha fatto un “evidente uso sproporzionato della violenza”. “Non è giusto, voglio ottenere giustizia per mio marito”, ha dichiarato la vedova uscendo dall’aula, lasciando intendere l’intenzione di ricorrere in appello.

Attualità

manette

Altri sviluppi

Uccide un 77enne in Germania, arrestato a Berna

Questo contenuto è stato pubblicato al Un 21enne, sospettato di aver ucciso otto giorni fa a Friburgo (Germania) un 77enne nel corso di un furto con scasso, è stato arrestato a Berna.

Di più Uccide un 77enne in Germania, arrestato a Berna
nick hayek accende un sigaro

Altri sviluppi

Il CEO di Swatch: “Non è vero che cancello posti”

Questo contenuto è stato pubblicato al Non è vero che Swatch sta cancellando discretamente impieghi e la strategia del gruppo è buona, malgrado quanto dica la Neue Zürcher Zeitung (NZZ), che agisce peraltro in malafede.

Di più Il CEO di Swatch: “Non è vero che cancello posti”
In primo piano l'entrata della Casa d'Italia a Zurigo.

Altri sviluppi

La Casa d’Italia a Zurigo sarà rimessa a nuovo

Questo contenuto è stato pubblicato al L'avvio del cantiere è previsto per il 2 settembre prossimo. Il costo della ristrutturazione si aggira attorno ai 14 milioni di franchi. La decisione da parte del Governo italiano era attesa da sette anni.

Di più La Casa d’Italia a Zurigo sarà rimessa a nuovo
thomas aeschi

Altri sviluppi

Zuffa a Palazzo federale, avviati accertamenti

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Ministero pubblico della Confederazione ha avviato degli accertamenti sulla zuffa che a Palazzo federale lo scorso 12 giugno ha coinvolto il democentrista Thomas Aeschi e alcuni agenti di polizia.

Di più Zuffa a Palazzo federale, avviati accertamenti
paul watson

Altri sviluppi

Arrestato il fondatore di Sea Shepherd

Questo contenuto è stato pubblicato al Paul Watson, fondatore di Sea Shepherd e attivista da tempo impegnato contro la caccia alle balene, è stato arrestato domenica in Groenlandia in base a un mandato internazionale emesso dal Giappone.

Di più Arrestato il fondatore di Sea Shepherd
kamala harris

Altri sviluppi

Dopo il ritiro di Joe Biden, Kamala Harris è sostenuta da più parti

Questo contenuto è stato pubblicato al I 50 presidenti statali del partito democratico statunitense hanno appoggiato Kamala Harris, sostenendola come nuova candidata presidenziale del partito, che si confronterà con Donald Trump.

Di più Dopo il ritiro di Joe Biden, Kamala Harris è sostenuta da più parti
obre di combattenti houthi

Altri sviluppi

Yemen, gli Houthi promettono vendetta contro Israele

Questo contenuto è stato pubblicato al I ribelli Houthi che controllano lo Yemen hanno promesso una risposta totale e senza regole nei confronti di Israele, dopo il bombardamento subìto sabato sera nell'importante porto di Al-Hudayda.

Di più Yemen, gli Houthi promettono vendetta contro Israele

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR