Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Sommaruga in Grecia Centri di accoglienza sempre più sovraffollati

Verificare di persona come è organizzata l'accoglienza dei richiedenti asilo. È questo uno degli obiettivi della visita di due giorni in Grecia della consigliera federale Simonetta Sommaruga. Accompagnata da Ioannis Mouzalas, ministro greco della migrazione, oggi si è recata in due centri di accoglienza sull'isola di Lesbo, quello di Moria e quello Kara Tepe.

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Con l'entrata in vigore della dichiarazione fra Ue e Turchia del marzo del 2016 la funzione di queste strutture di accoglienza è cambiata: sono diventati centri di registrazione e di rimpatrio, che, a causa della lentezza delle procedure, sono sovraffollati.

Sull'isola la ministra elvetica ha visitato anche il centro medico annesso a Kara Tepe, gestito da Médecins du Monde con il sostegno della Svizzera, e si è intrattenuta con il sindaco di Lesbo, Spyros Galinos.

Domani ad Atene Sommaruga incontrerà i responsabili di diverse organizzazioni attive nel settore dell'asilo sostenute dalla Svizzera. In particolare, si intratterrà con Maria Stavropoulou, direttrice dell'autorità greca preposta all'asilo, e con Philippe Leclerc, rappresentante per la Grecia dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR).

È inoltre previsto un incontro con la direttrice dell'organizzazione non governativa Metadrasi, che fornisce servizi di traduzione e di interpretariato nell'ambito delle procedure d'asilo.

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

tvsvizzera.it/fra con RSI

×