Navigation

Slow train per scoprire le specialità valtellinesi

tvsvizzera

Un treno dei sapori per i visitatori di Expo 2015. Un viaggio che porterà i turisti sulle Alpi fino in Valposchiavo

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 febbraio 2014 - 16:47

È pronto a partire lo Slow train, ovvero il treno dei sapori che consentirà ai visitatori de Expo 2015 di spingersi sino alle Alpi per visitare Valtellina e Valposchiavo. Molti dettagli devono ancora essere messi a punto (dovranno essere coinvolti gli operatori delle due vallate), ma nel complesso il convoglio che viaggerà sulle linee di Trenord è stato definito: sarà messo a disposizione dell'evento uno dei treni d'epoca restaurati dall'Associazione Ale 883 (a Tirano esiste un vero e proprio museo), con carrozza ristorante trainata da una locomotiva a vapore 625.

Due viaggi a mese tra Milano e Tirano

Si sale il sabato alle 18 e si rientra la domenica alle 15. Un terzo viaggio raggiungerà Chiavenna. A bordo, durante le tre ore e trenta di tragitto, verranno serviti pranzi o cene da cinque portate con piatti preparati con prodotti rigorosamente locali. Ancora da decidere se anche gli chef saranno locali oppure se verranno invitati cuochi di gran fama. Molto dipenderà dai costi. Per il momento il progetto avviato un anno e mezzo fa, ha previsto di investire 120mila euro per 12 viaggi. Ogni biglietto – se non verranno trovati sponsor – costerà 250 euro.

Primo viaggio

"Un primo viaggio potrebbe già tenersi il 3 di maggio nell'ambito degli Expo days" che vedranno la Svizzera allestire un padiglione in piazza Castello a Milano, dove la Valposchiavo il 2 di maggio presenterà tutti i suoi progetti in vista della Fiera mondiale", precisa Cassiano Luminati, presidente della Regione Valposchiavo e tra i sostenitori di quest'iniziativa, fiore all'occhiello della collaborazione transfrontaliera tra le due vallate alpine.

Antonia Marsetti

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.