La televisione svizzera per l’Italia

Sisma, rientrano le squadre di soccorso elvetiche

La squadra di specialisti elvetici all aeroporto di Belp (Berna) si imbarca per la Turchia.
La squadra di specialisti elvetici all'aeroporto di Belp (Berna) si imbarca per la Turchia. © Keystone / Peter Schneider

Nuova fase negli aiuti svizzeri alle popolazioni terremotate. Bilancio delle vittime sempre più pesante.

Le squadre di soccorso elvetiche, a quasi una settimana dal sisma che ha devastato Siria e Turchia, fanno ritorno in patria. Le speranze di trovare infatti superstiti tra le macerie degli edifici crollati sono ormai nulle. Il bilancio della Catena svizzera di salvataggio è di undici persone estratte vive, tra cui due neonati, oltre a sostegno della popolazione sfollata.

La smobilitazione avviene in coordinamento con le autorità turche e con le altre squadre di soccorsi internazionali, ha indicato il Dipartimento degli affari esteri (DFAE). Gli 87 soccorritori elvetici erano partiti alla volta della Turchia lunedì scorso.

Contenuto esterno

Aiuti alla popolazione superstite

Ad essi si aggiungono però ora dodici persone del Corpo svizzero d’aiuto umanitario (CSA) che sabato sono giunte nel distretto di Hatay (Turchia), sancendo il passaggio di consegne dalla Catena svizzera di salvataggio al CSA, che si concentrerà nell’aiuto dei terremotati restati senza casa.

Una necessità divenuta impellente soprattutto nel periodo invernale, durante il quale occorre fornire un riparo ai sopravvissuti e alle sopravvissute e garantire prestazioni sanitarie in località in cui non esiste più nulla.

Intanto si fanno sempre più pesanti le cifre aggiornate del catastrofico sisma. Le vittime sono quasi 40’000, ma il bilancio è destinato ad aggravarsi ulteriormente.

Anche se alcune notizie, come quella del salvataggio nelle ultime ore del neonato di 7 mesi tra i detriti della sua casa ad Antakya o della cinquantenne di Hatay attenuano un po’ il quadro drammatico. Secondo studi scientifici il tasso di sopravvivenza delle persone intrappolate dopo un terremoto è del 22% dopo 72 ore e appena il 6% entro il quinto giorno.

Costruttori in manette

Dal canto loro le autorità turche, chiamate in causa per le migliaia di edifici sbriciolatisi con le scosse telluriche, hanno proceduto all’arresto di oltre cento 100 costruttori nelle 10 province colpite dal sisma con l’accusa di avere violato le normative edilizie del paese, in particolare quelle introdotte dopo il terremoto del 1999. Secondo il vicepresidente Fuat Oktay finora sono stati identificati 131 sospetti ed emessi 113 ordini di detenzione.

Ma dall’opposizione si accusa il presidente Erdogan, preoccupato per le imminenti elezioni politiche, di non aver fatto rispettare i regolamenti edilizi in un Paese fragile dal profilo geologico.

Situazione disperata in Siria

Ma la situazione è ancora più grave in Siria dove nelle regioni settentrionali colpita dal sisma, controllate dai ribelli, il 90% della popolazione, circa 4 milioni di persone, dipendevano già dagli aiuti internazionali.

Il responsabile per le operazioni umanitarie dell’Onu nel paese Martin Griffiths ha riconosciuto che finora “abbiamo deluso le persone nel nord-ovest della Siria che si sentono giustamente abbandonate, alla disperata ricerca di aiuti internazionali che non sono arrivati”.

E questo per responsabilità reciproche del governo e degli insurrezionalisti. Dall’ONU si fa sapere che gli aiuti ai terremotati provenienti dalle regioni controllate dal governo siriano, che pure ostacola i soccorsi, diretti verso il territorio in mano all’opposizione, sono stati bloccati dal gruppo islamista Hayat Tahrir al-Sham (Hts).

Attualità

Elisabeth Baume-Schneider e Carine Bachmann

Altri sviluppi

“Il cinema svizzero può fiorire”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale Elizabeth Baume-Schneider, presente al Festival di Cannes, si dice fiduciosa per il futuro del cinema rossocrociato.

Di più “Il cinema svizzero può fiorire”
fotografie degli ostaggi di hamas

Altri sviluppi

Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese

Questo contenuto è stato pubblicato al Le trattative per la liberazione degli ostaggi in mano ad Hamas sono state sospese. Ad annunciarlo un'emittente israeliana.

Di più Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese
due tossici condividono una dose di fentanyl

Altri sviluppi

Il Fentanyl si fa strada in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La città di Coira, capitale del canton Grigioni, è diventata uno dei maggiori centri di consumo di stupefacenti in Svizzera. Tra questi anche una "new entry": il Fentanyl.

Di più Il Fentanyl si fa strada in Svizzera
ape su un fiore

Altri sviluppi

In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

Questo contenuto è stato pubblicato al A pochi giorni dalla Giornata internazionale delle api, che cade il 20 maggio, l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) ha pubblicato venerdì la nuova Lista rossa delle api, che fa il punto sulle specie minacciate.

Di più In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR