Navigation

Agente ticinese sotto inchiesta per truffa

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 07 settembre 2018 - 17:49
tvsvizzera/spal con RSI (Quotidiano del 7.9.2018)

Un'agente della polizia cantonale è finita sotto inchiesta nell'ambito di un'indagine riguardante una serie di truffe che coinvolge un garage del Mendrisiotto.

Secondo quanto è emerso dall'inchiesta condotta dalla Procura ticinese la rappresentante delle forze dell'ordine avrebbe ingannato la sua assicurazione in relazione a presunti sinistri occorsi alla sua auto privata.

In una notaLink esterno il titolare del Dipartimento ticinese delle istituzioni Norman Gobbi, che ha condannato l'episodio e espresso tutta la sua amarezza per quanto avvenuto, ha precisato che l'indagata ha compiuto "azioni contro la legge" in un ambito esterno al suo servizio.

L'ipotesi di reato su cui si concentrano gli inquirenti cantonali è quella di ripetuta truffa. Nei confronti dell'agente ticinese, oltre all'inchiesta penale, è stata aperta una procedura disciplinare interna.   

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.