Navigation

I canti del "secondo Capodanno" appenzellese

In Appenzello esterno giovedì si è festeggiato il Silvesterschlausen, una tradizionale usanza per augurare il nuovo anno e chiamare la buona sorte.

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 gennaio 2017 - 12:00
tvsvizzera.it/ZZ con RSI (TG del 13.01.2017)
Contenuto esterno

Dall’alba al tramonto, in maschera, di fattoria in fattoria, si augura la buona sorte per l’anno a venire intonando uno “zäuerli”.

La tradizione del Silversterschlausen in Appenzello esterno ha tre secoli e mezzo e segue il Capodanno giuliano. Una ricerca delle radici e della cultura locale che continua ad essere molto sentita anche dalle giovani generazioni. 



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.