Navigation

Si svela il museo di Scotland Yard

Aperta al pubblico a Londra l'archivio di indizi, armi e reperti utilizzati in 150 di storia criminale

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 ottobre 2015 - 22:35

Il Crime Museum, il museo di Scotland Yard nato nel 1874, è stato aperto per la prima volta aperto al pubblico. Centinaia di prove, indizi, armi, mascheramenti, reperti esposti. Memorabilia del crimine. La galleria dei delitti, e delle pene. Capitali. Oltre 600 oggetti in esposizione, tra armi, indizi e reperti utilizzati nelle indagini dalla polizia più famosa (almeno a livello di narrativa) del mondo.

Attraverso l'illustrazione di 24 casi, ordinati cronologicamente, viene riassunta l'evoluzione delle tecniche investigative in 150 anni di storia. Dalla scoperta delle impronte digitali al computer utilizzato nell'attentato all'aeroporto di Glasgow nel 2007, il Crime Museum contiene i più svariati elementi d'indagine nelle mani degli inquirenti britannici, ma anche il manifesto affisso ai muri di Londra nel 1888, in cui si prometteva una ricompensa di 100 sterline a chi avesse fornito informazioni su Jack lo Squartatore. Offerta rimasta vana.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.