La televisione svizzera per l’Italia

Si profila una commissione d’inchiesta sul crollo di Credit Suisse

Il parlamento vuole vederci chiaro.
Il parlamento vuole vederci chiaro. © Keystone / Peter Klaunzer

Sull’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS potrebbe indagare presto una commissione parlamentare d’inchiesta (CPI). La decisione è stata presa all’unanimità dall’Ufficio presidenziale della Camera bassa.

Il Consiglio Nazionale, che sottoporrà la questione al Consiglio degli Stati di cui è indispensabile l’adesione, intende stabilire le responsabilità delle autorità e degli organi coinvolti nell’operazione decisa una settimana fa e che continua a far discutere negli ambienti finanziari e nel mondo politico.

A questa vicenda, compresa l’eventuale istituzione della CPI, sarà dedicata una sessione straordinaria del Parlamento elvetico che inizierà il prossimo 11 aprile. In quell’occasione sarà esaminata la decisione del Governo federale di creare una linea di credito per un importo complessivo di 109 miliardi di franchi a garanzia del trasferimento della proprietà della banca elvetica in crisi.

Il giorno successivo le due Camere saranno impegnate a dirimere le eventuali divergenze che si saranno manifestate durante i rispettivi dibattiti, con possibilità di prosecuzione dei lavori, qualora fosse necessario, fino al 13 aprile.

In proposito varie commissioni parlamentari, soprattutto quelle della Gestione, hanno già espresso l’intenzione di approfondire i retroscena del salvataggio della seconda banca elvetica, coinvolta nella crisi che ha colpito gruppi finanziari statunitensi.

Da sinistra si preme per istituire una CPI delle due Camere, il cui intervento nella storia della Confederazione, è stato sporadico. Solo quattro ne sono state create finora: sull’acquisto degli aerei Mirage, sulle dimissioni della consigliera federale Elisabeth Kopp, sullo scandalo delle schedature e sulla cassa pensioni della Confederazione.

Più prudente è invece lo schieramento moderato, più restio ad utilizzare un tale strumento, che si fonda sulla prerogativa dell’alta vigilanza dell’Assemblea federale sulle attività del Governo, dell’amministrazione federale, dei tribunali e degli altri enti che esercitano funzioni federali.

La commissione parlamentare d’inchiesta, al pari delle commissioni della gestione e delle finanze, può interrogare testimoni, prendere visione dei verbali e dei documenti relativi alle sedute del Consiglio federale e far capo a inquirenti per l’assunzione delle prove, ma non può sostituirsi ai tribunali penali e agli organi disciplinari.

In ogni caso la falsa testimonianza resa durante un’audizione della CPI e il rifiuto di deporre o di consegnare documenti sono perseguibili come previsto dal codice penale.






Attualità

carro armato

Altri sviluppi

Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Questo contenuto è stato pubblicato al Malgrado le condanne giunte da tutto il mondo dopo l'attacco di domenica notte, nel quale sono morti decine di civili, l'esercito israeliano prosegue le operazioni nel sud della Striscia di Gaza.

Di più Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Altri sviluppi

Un alunno su sei è in sovrappeso

Questo contenuto è stato pubblicato al Il sovrappeso e l'obesità rimangono una sfida per i bambini e gli adolescenti. Secondo un monitoraggio che si riferisce all'anno scolastico 2022/23, un alunno su sei ha problemi con la bilancia.

Di più Un alunno su sei è in sovrappeso

Altri sviluppi

Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio

Questo contenuto è stato pubblicato al Secondo un sondaggio in Svizzera quasi un terzo della popolazione ha già vissuto liti con il vicinato. I motivi più comuni sono l'eccesso di rumori, problemi con la lavanderia, infrazioni delle regole sui posteggi e diatribe riguardanti la proprietà di terreni.

Di più Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio
bandiere in un viale

Altri sviluppi

Le spie vanno espulse sistematicamente

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio degli Stati ha approvato lunedì una mozione che prevede di rafforzare i meccanismi di espulsione per gli agenti stranieri.

Di più Le spie vanno espulse sistematicamente
Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR