Navigation

A Livorno si aggrava il bilancio delle vittime

Sono sette le vittime accertate del nubifragio abbattutosi su Livorno. Il corpo di una donna data per dispersa è stato ritrovato lunedì.

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 settembre 2017 - 08:16
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


I soccorritori sono ancora alla ricerca di un 67enne, Gianfranco Tampucci, l’ultima persona che risulta dispersa.

Il corpo di Martina Bechini, strappata dalla furia del torrente dalla casa dove viveva con il marito, salvato domenica dalle acque, è stato ritrovato a quasi due chilometri dalla sua abitazione. Salgono così a sette le vittime ufficiali del nubifragio. 

La pioggia è cessata e si inizia intanto a fare la conta dei danni. La grande raffineria dell’Eni è ferma. Dallo stabilimento vi è anche stato uno sversamento di idrocarburi, finito in mare attraverso un canale.

Centinaia di persone, tra cui 400 volontari della protezione civili e i militari, sono al lavoro per togliere i detriti e il fango dalle case e dalle strade dei quartieri più colpiti di Livorno.

“Siamo al lavoro senza sosta”, ha sottolineato il sindaco della città Filippo Nogarin, invitando tutti a non scadere in “sterili polemiche”, in particolare per quanto concerne la questione del codice d’allerta.  

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.