Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Sesterzi di Locarno in mostra e allo studio

Le monete d'epoca romana, rinvenute lo scorso dicembre in un terreno privato, sono ora visibili al pubblico; nel servizio, le ipotesi sulle origini del tesoretto

Una pioggia di monetine antiche, eccezionali per quantità e varietà: il tesoro di epoca romana ritrovato lo scorso dicembre a Orselina è ora visibile al pubblico alla Biblioteca Cantonale di Bellinzona.

I "capitali" che le genti di Orselina e Muralto, presso Locarno, hanno seppellito sono da proteggere e studiare. Cento chili di monete romane, sesterzi, in bronzo, tutti in buono stato di conservazione e in gran parte leggibili e identificabili, databili fra il I e il III secolo dopo Cristo.

Un vero tesoro nascosto in un'anfora e sepolto nel terreno di una famiglia che non si capacita di quel ritrovamento avvenuto lo scorso dicembre. Un patrimonio per quantità e varietà, che non ha mancato di entusiasmare l'Ufficio dei Beni culturali che affiancato da esperti di numismatica svizzero-tedeschi ha subito iniziato a studiare le monete.

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×