Navigation

Senza zucchero

Levante

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 aprile 2015 - 09:48

Senza Zucchero

No, no, no
Non mi prenderete mai
Vivo appeso ai miei soli sogni
E corro senza meta
Senza una metà che mi compensi
Ho bisogno di sentirmi mezzo.
In verità vivo tanto bene senza zucchero
Che il reso è tutto un brivido.
Ora no, sto lontano da quei guai.
Corro a gambe levate se il tuo cuore batte.
Darling, chissà se potrai mai perdonarmi
È una macchia che non lavo da anni.
Guardami, no non sono l'uomo che hai creduto
Ma a modo mio ti ho quasi amato.
Quanto male fa, quella parola che non ti dirò
Un nodo in gola, una lacrima.
Quanto male fa, quella promessa che non ti farò…
In bocca l'amaro.
No, no, no non mi prenderete mai
Corro a gambe levate se il mio cuore batte.
Darling, chissà se potrò mai perdonarmi
È una macchia che non lavo da anni
Guardami, no, non sono l'uomo che hai creduto
ma a modo mio ti ho quasi amato.
Quanto male fa, quella parola che non ti dirò
Un nodo in gola, una lacrima.
Quanto male fa, quella promessa che non ti farò…
In bocca l'amaro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.