La televisione svizzera per l’Italia

Seminò il panico con un fucile sul Verbano, condannato uno svizzero

uomo a petto nudo brandisce un fucile. immagine da videocamera di sicurezza
Aveva minacciato passanti e forze dell'ordine con un fucile con baionetta. Carabinieri di Verbania

Il cittadino svizzero che seminò il panico sulla sponda piemontese del Lago Maggiore lo scorso 8 ottobre è stato condannato mercoledì a due anni di reclusione. 

Uno svizzero che l’8 ottobre 2022 era stato fermato dalle forze dell’ordine dopo aver puntato un fucile da guerra con baionetta verso i passanti, prima, e le forze dell’ordine, poi, tra Lesa (Novara) e Stresa (Verbano-Cusio-Ossola) è stato condannato mercoledì a una pena detentiva di due anni.  

Il 31enne, sotto effetto di stupefacenti, si era anche messo alla guida di un’auto di grossa cilindrata – poi risultata essere rubata – con la quale ha speronato una quindicina di veicoli, ferendo anche quattro persone.  

Il pluripregiudicato è stato poi arrestato vicino a Stresa, dopo aver nuovamente puntato la sua arma contro i militari, per porto illegale di arma da guerra, resistenza a pubblico ufficiale, minaccia aggravata e lesioni personali.  

In seguito al fermo a bordo della sua auto sono state trovate bandiere con simboli nazisti, strumenti da taglio e diverse targhe svizzere rubate. 

Al termine del processo, che si è svolto con rito abbreviato, il giudice ha anche stabilito che il 31enne dovrà passare un anno in un istituto di cura, visto che una perizia psichiatrica ha stabilito che rappresenta un pericolo per la società.  

L’accusa aveva chiesto una pena più pesante (tre anni e sei mesi), ma il reato di tentata rapina è stato riqualificato dalla Corte in tentata violenza privata. L’uomo dovrà inoltre risarcire 3’000 euro al carabiniere contro il quale puntò il fucile, 2’000 euro alla donna che subì la stessa sorte e 2’000 euro di provvisionale a un agente della polizia penitenziaria.  

Attualità

Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera
Un treno entra in una stazione di periferia.

Altri sviluppi

Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali

Questo contenuto è stato pubblicato al Per l'insieme della Svizzera, il 94,46% dei treni è arrivato a destinazione con meno di tre minuti di ritardo rispetto all'orario stabilito, contro il 94,92% nell'anno precedente. Nel settore degli autobus, il numero delle corse puntuali si situa sotto la soglia del 90%.

Di più Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali
Un cacciatore.

Altri sviluppi

Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi

Questo contenuto è stato pubblicato al L'abbattimento dei lupi nei Grigioni, a determinate condizioni, sarà estesa quest'autunno per la prima volta ai titolari delle patenti per la caccia alta.

Di più Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi
baume schneider su schermi durante discorso

Altri sviluppi

Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale e direttrice del Dipartimento federale dell'interno (DFI) Elisabeth Baume-Schneider ha invitato i membri dell'OMS a impegnarsi per un'intesa contro le pandemie.

Di più Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR