Navigation

Salone del Libro, "svolta rosa" ai vertici

Torino 2015 tvsvizzera

L'ultima intervista a Ferrero, direttore uscente del Salone

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 maggio 2015 - 12:18

Conclusosi lo scorso lunedì, il Salone dei Libro di TorinoLink esterno cambia gestione. Al posto degli uscenti Rolando Picchioni ed Ernesto Ferrero dopo 15 anni di gestione, arriva la "svolta rosa": Giovanna Milella, giornalista Rai e fino a due anni fa alla guida del Prix Italia, come presidente del Salone del Libro e Giulia Cogoli, ideatrice e direttrice di eventi culturali di successo come il Festival della Mente di Sarzana, in veste di direttore.

"Abbiamo deciso di dare certezze subito nella continuità", spiega Chiamparino, puntando su "una scelta che non implicasse dimissioni da parte di attuali consiglieri di amministrazione. Questo avrebbe rischiato di prolungare i tempi e creare incertezza".

Picchioni indagato per peculato

In settimana Picchioni - che si dice estraneo ai fatti che gli vengono contestati - verrà interrogato dai pm Andrea Beconi e Gianfranco Colace, che nei suoi confronti hanno ipotizzato il reato di peculato. L'ipotesi su cui lavorano gli inquirenti è che siano state confezionate fatture per prestazioni professionali mai eseguite: l'ente pagava (con soldi pubblici) e il profitto, illecito, veniva spartito.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.