Navigation

Merkel da Putin per riannodare il dialogo

Dopo due anni dalla sua ultima visita, la cancelliera tedesca ha incontrato martedì a Sochi il presidente russo. Al centro dei colloqui vi sono stati in particolare la Crimea e gli accordi di pace di Minsk.

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 maggio 2017 - 08:49
tvsvizzera.it/mar con RSI (TG del 3.5.2017)
Contenuto esterno


La Germania, ha detto Angela Merkel, vorrebbe "togliere le sanzioni" contro la Russia, ma per farlo serve "l'attuazione degli accordi di Minsk" e su questo fronte "non si sono verificati purtroppo grandi passi avanti, semmai qualcuno indietro".

Su un aspetto il presidente russo e la cancelliera tedesca si sono trovati d’accordo, ovvero sul fatto che non servono altri accordi poiché vanno rispettati prima quelli che “già ci sono”. Le divergenze però sono grandi. Per Merkel le autorità ucraine sono “democratiche”, mentre per Putin sono figlie di “un colpo di Stato”.

La conversazione, ha notato Putin, è ad ogni modo avvenuta in un clima "franco e costruttivo".

Durante l’incontro si è parlato anche di cooperazione bilaterale, del prossimo G20 tedesco e dei principali problemi internazionali, Ucraina in testa, come detto.

Angela Merkel ha anche evocato con Putin le recenti proteste in Russia e ha esortato il presidente russo ad esercitare la sua influenza per difendere “i diritti civili dei gay in Cecenia” e dei “testimoni di Geova”, dichiarati da poco “un’organizzazione estremista” dalla Corte suprema. 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.