Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Ricerca Nepotismo nelle università: Italia maglia nera

Tre allievi assistono a una lezione universitaria.

Per la loro ricerca, i due ricercatori dell'Università di Chicago hanno analizzato oltre 130'000 nomi nelle accademie italiane, francesi e statunitensi.

(Keystone)

Nelle università italiane, il nepotismo è molto più marcato che in quelle francesi e statunitensi. Tuttavia il fenomeno sembra dare segni di declino.

A tracciare la mappa del nepotismo nei tre paesi sono stati due ricercatori italiani dell’Università di Chicago, Jacopo GrilliLink esterno e Stefano AllesinaLink esterno. Per il loro studioLink esterno, pubblicato lunedì sulla rivista dell’Accademia delle scienze degli Stati UnitiLink esterno, hanno analizzato cognomi e informazioni geografiche relativi a oltre 130'000 ricercatori per gli anni 2000, 2005, 2010 e 2015.

I due accademici hanno in sostanza esaminato in che misura gli stessi cognomi si ripetono in una medesima università e negli stessi dipartimenti.

Allesina e Grilli rilevano che “i risultati mostrano che il sistema accademico italiano tende ad attirare i ricercatori per lo più a livello locale – molti ricercatori hanno cognomi tipici della regione o delle città in cui lavorano – mentre il sistema americano è molto meglio miscelato, con una forte influenza dell’immigrazione”.

“In Francia, il numero di cognomi ripetuti è spiegato dalla distribuzione geografica, mentre negli Stati Uniti da un’immigrazione specifica in alcuni settori scientifici. In Italia, anche tenuto conto di questi fattori, alcune discipline e regioni presentano anomalie”, ha spiegato all’Ansa Stefano Allesina. Sulla base di ulteriori analisi, i due ricercatori dimostrano come le anormalità osservate nella Penisola siano compatibili con assunzioni nepotistiche.

Nel 2015 le anomalie riguardano soprattutto Campania, Puglia e Sicilia. In Francia emergono risultati significativi per due regioni, Provenza-Alpi-Costa Azzurra e Rodano-Alpi, mentre negli USA non vi è nessuno Stato dove si osservano anomalie.

Da notare che in Italia, negli anni precedenti, ripartizioni inconsuete dei cognomi apparivano anche in Emilia Romagna, Lazio, Piemonte, Lombardia, Toscana e Sardegna.

Per quanto concerne le discipline, nel 2015 le anomalie più evidenti riguardano Chimica e Medicina.

Effetti della riforma, ma non solo

Il fenomeno del nepotismo è tuttavia in regressione in Italia. La riforma universitaria del 2010, che proibisce di assumere parenti dei docenti, ha probabilmente contribuito a questo sviluppo.

Per i due ricercatori non è però la sola spiegazione, poiché una simile evoluzione si delineava già prima dell’entrata in vigore della legge. La diminuzione del numero di omonimie è dovuta più ai pensionamenti e alla riduzione delle assunzioni che agli effetti della legge.

Molte università italiane hanno drasticamente ridotto il numero di professori. “Risolvere il problema del nepotismo smantellando il sistema universitario equivale a gettare via il bambino con l’acqua sporca”, scrivono i due accademici.

Le norme anti-nepotismo hanno poi degli effetti perversi, in particolare per quanto concerne una maggiore presenza femminile nelle università. “Ad esempio, nella prima metà del XX secolo, le leggi anti-nepotismo negli Stati Uniti hanno creato il fenomeno delle ‘vanishing wives’ (mogli evanescenti, ndr): non potendo essere assunte negli stessi dipartimenti dei loro mariti, molte donne lavoravano come professori ospiti non pagati, rallentando così il progresso verso una più equa rappresentazione di genere”.

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×