Navigation

Restituiti preziosi reperti archeologici dalla Svizzera

Le opere risalenti fino al VII secolo a.C. erano state trafugate ed esportate illegalmente

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 marzo 2016 - 12:27

Preziosi reperti archeologici trafugati negli anni '70 e '80 e custoditi nei caveau di Ginevra sono stati restituiti all'Italia. L'operazione "Antiche dimore", coordinata dalla Procura capitolina e condotta dal nucleo speciale dei carabinieri, ha permesso di recuperare opere provenienti dall'Italia centro-meridionale e risalenti fino al VII secolo a.C.

Si tratta di un centinaio di reperti considerati di grande interesse storico e scientifico e stimati attorno ai 9 milioni. Fondamentale per la riuscita dell'inchiesta, è stato sottolineato martedì nel corso di una conferenza stampa a Roma, è stata la collaborazione prestata dalle autorità elvetiche che hanno dato seguito alla rogatoria internazionale inoltrata attraverso il Ministero degli esteri.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.