Navigation

La corte suprema, Trump e gli oppositori

Una rivincita enorme per il presidente americano Donald Trump: la Corte Suprema americana ha confermato il bando imposto dalla sua amministrazione all'ingresso negli Usa per i cittadini di diversi paesi a maggioranza musulmana. Le reazioni non sono certo mancate.

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 giugno 2018 - 11:21
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Il 'muslim ban', cavallo di battaglia di Trump candidato, è diventato uno dei primi e controversi provvedimenti che il tycoon presidente ha emanato pochi giorni dopo il suo insediamento alla Casa Bianca all'inizio del 2016, scatenando proteste, opposizione e innescando una battaglia legale con la decisione di giudici che, Stato per Stato, hanno a più riprese sconfessato e tenuto fermo il provvedimento.

Una sfida cui la Casa Bianca ha risposto rivedendo il testo, aggiustandone la stesura, rivalutando uno per uno i paesi interessati: sono adesso Iran, Libia, Somalia, Siria e Yemen, con il Ciad che è stato rimosso dalla lista nella terza versione presentata lo scorso settembre, quella su cui la Corte suprema ha espresso il suo giudizio, pur sofferto, con cinque voti favorevoli e quattro contrari.

I motivi della decisione

A scandire i termini della decisione il giudice John Roberts, che nella sua 'opinione di maggioranza' (insieme con gli altri quattro giudici conservatori sui nove che siedono alla massima corte) ha riconosciuto al presidente il potere sostanziale di regolare l'immigrazione. Non un dettaglio per il 'commander in chief', che del bando ha fatto una questione di sicurezza nazionale considerandolo un tutt'uno con la proposta di costruire il muro lungo il confine statunitense, nella sua visione di 'America First'. Risulta però misurata e attenta l'opinione stilata dal giudice Roberts che evita di entrare nel merito delle posizioni sull'immigrazione espresse dal presidente Trump: "Non esprimiamo alcuna opinione sulla validità della linea politica", ha precisato. 

Giudici contrari

Non è mancato però il dissenso dei giudici che si sono espressi in maniera contraria: lo ha chiarito Sonia Sotomayor, giudice di area progressista, sottolineando le prove secondo cui "un osservatore ragionevole concluderebbe che la proclamazione fu motivata da una spinta anti-musulmana".

La reazione del presidente

Contenuto esterno


Trump esulta. "WOW!", esclama subito su Twitter. Poi celebra "l'enorme vittoria per il popolo americano e per la nostra costituzione. Dobbiamo essere duri e garantire sicurezza. Dobbiamo sapere chi entra nel nostro Paese. Gli attacchi dei media e dei politici democratici si sono rivelati sbagliati. Difenderò sempre la sovranità e la sicurezza del popolo americano". 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.