Navigation

Scioperi e crisi sociale nell’Egitto di al Sisi

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 14 ottobre 2017 - 15:26
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 14.10.2017)

In Egitto, passato l’effetto delle primavere arabe e della conseguente avanzata dei Fratelli Musulmani, la situazione sembra essersi stabilizzata sotto il regime dell’uomo forte al Sisi.

Ma al di là delle limitazioni all’esercizio dei diritti democratici resta assolutamente irrisolta la questione sociale. La condizione dei lavoratori è del tutto precaria e le tutele riconosciute in altri paesi sono inesistenti.

A contribuire a peggiorare la quotidianità delle famiglie è l’impennata dei prezzi dei generi di prima necessità.

Il malcontento della popolazione cresce ma le proteste e gli scioperi si concludono spesso con licenziamenti ingiustificati, minacce e persino arresti da parte della polizia, che sostiene unilateralmente le ragioni dei dirigenti delle aziende anche nei casi di manifesta violazione delle norme sulla sicurezza dei dipendenti.

In queste settimane il parlamento ha promesso di intervenire con disposizioni a tutela dei lavoratori, la cui portata ed estensione saranno però tutte da verificare. Il reportage nel paese nordafricano di Ines Della Valle per il TG.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.