Navigation

Relazioni Svizzera-UE: "Non siamo sull'orlo di un precipizio"

Livia Leu è responsabile dei negoziati con l'UE da ottobre 2020. Keystone / Alessandro Della Valle

A poco più di un mese dall'abbandono dei negoziati sull'accordo quadro, le relazioni future tra la Svizzera e l'Unione europea continuano ad essere avvolte da un alone d'incertezza, che potrebbe rimanere tale per un po' di tempo. Tuttavia, la segretaria di Stato Livia Leu è ottimista.

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 luglio 2021 - 13:13
Keystone-ATS/mar

La rottura dei negoziati ha causato shock e, soprattutto, irritazione a Bruxelles. L'Unione Europea ha sempre indicato che non avrebbe firmato nuovi accordi di accesso al mercato o aggiornato le intese esistenti senza un accordo istituzionale.

Per il momento, Bruxelles si attiene alla sua linea. Il riconoscimento reciproco per i dispositivi medici è in alto mare. La Svizzera è esclusa dal programma di ricerca Horizon Europe. E l'accordo per il settore dell'elettricità è bloccato.

Una situazione che sta causando preoccupazione nella Confederazione. Ma la segretaria di Stato Livia Leu, caponegoziatrice per le trattative con l'UE, non è preoccupata. La reazione cauta da parte di Bruxelles è giudicata positiva. Bruxelles ha bisogno di tempo e Berna può convivere con questa situazione. "Non siamo sull'orlo di un precipizio. Non abbiamo una scadenza e se necessario, abbiamo tempo".

Secondo Livia Leu, non c'è bisogno di buttarsi a capofitto in nuovi negoziati. "Prima si devono gettare le basi affinché queste coincidano anche con gli interessi della Svizzera", ha sottolineato davanti ai media a Berna. La questione istituzionale rimane sul tavolo, ma deve essere considerata in un contesto più globale.

Sostegno austriaco

Il dialogo politico dovrà contribuire a questo obiettivo. Tuttavia, non è stata delineata nessuna misura concreta. In ogni caso, la Svizzera sembra volere fare affidamento sui suoi vicini.

"Alla fine, sarà il Consiglio europeo a decidere, non la Commissione europea", ha rilevato Livia Leu. Ognuno dei suoi membri dovrà difendere i propri interessi, in particolare quelli economici. L'Austria si è già pronunciata a favore di Berna.

L'Unione europea è il partner più importante della Svizzera, ha sottolineato la segretaria di Stato. Ma gli interessi sono reciproci. Più di un milione di europei vivono in Svizzera e più di 300'000 frontalieri varcano ogni giorno il confine.

Contenuto esterno

Dettagli in autunno

La risoluzione di questa spinosa questione richiederà probabilmente del tempo. Soprattutto perché la Svizzera non è il problema principale dell'UE, ha detto Livia Leu. "Le nostre relazioni funzionano bene e senza intoppi".

La Commissione europea ha annunciato che presenterà i dettagli delle future relazioni con Berna solo in autunno. Nel frattempo, la Svizzera sta esaminando le differenze tra i suoi regolamenti e quelli dell'UE. Deciderà poi come risolverle autonomamente, se è nel suo interesse.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.