Navigation

Record di morti per droga durante la pandemia negli USA

Aumentati i decessi per droga durante la pandemia. ma non è solo colpa del coronavirus. Copyright 2017 The Associated Press. All Rights Reserved.

I numeri evidenziano il fallimento della politica repressiva contro la droga varata negli anni '70. E ora in alcuni stati si guarda con interesse al modello elvetico.

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 agosto 2021 - 10:24
tvsvizzera.it/spal

Nel 2020 ci sono stati oltre 93'000 decessi per overdose negli Stati Uniti, il 30% in più in un anno. Ma soprattutto, da quando è stata impressa dall'amministrazione Nixon nel 1971 una svolta repressiva per il contenimento del fenomeno, le morti hanno continuato inesorabilmente ad aumentare ogni anno e le carceri si sono riempite di piccoli spacciatori e consumatori.

La criminalizzazione del fenomeno ha fatto incrementare gli ospiti nelle prigioni federali dai 46'000 detenuti nel 1986 ai 219'000 nel 2013. Con il risultato che le importanti risorse destinate a combattere i reati minori sono venute a mancare contro il colossale e ricco traffico degli stupefacenti che è prosperato come non mai, estendendosi a nuove sostanze (oppiacei, cocaina, crack, droghe sintetiche) e categorie di consumatori.

Le conseguenze sociali di questa politica incentrata unicamente sulla repressione sono ora sotto gli occhi di tutti: emarginazione delle fasce più deboli e precarie e incremento dell'illegalità in alcune comunità sfavorite (gli afroamericani rischiano sei volte di più di finire in carcere).

Per porre un limite alla lunga scia di morti e di disperati molti Stati hanno liberalizzato il consumo delle droghe leggere e altri, come Rodhes Island, guardano ora con interesse all'esperienza elvetica, varando programmi di distribuzione controllata delle sostanze stupefacenti (la politica dei quattro cerchiLink esterno: prevenzione, trattamento, riduzione del danno e regolazione), come documentato nel reportage del Tg che segue.

Contenuto esterno


Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.