La televisione svizzera per l’Italia

Quattro svizzeri evacuati dal Sudan grazie a Germania e Paesi Bassi

Aereo pieno di sfollati
In questa foto fornita dal Ministero della Difesa spagnolo, cittadini di diverse nazionalità in fuga dal Sudan siedono all'interno di un aereo dell'Aeronautica militare spagnola diretto a Madrid lunedì scorso. Keystone

Quattro cittadini svizzeri sono riusciti a lasciare il Sudan lunedì con voli organizzati da Germania e Paesi Bassi. Berna, nel frattempo, ha dichiarato che sta lavorando al rimpatrio di circa 30 doppi cittadini e cittadine che vogliono lasciare il Paese in crisi.

Due svizzeri sono stati portati in Germania e gli altri due nei Paesi Bassi, ha dichiarato martedì il Dipartimento federale degli affari esteri elvetico (DFAE) all’agenzia di stampa svizzera Keystone-ATS.

Il DFAE ha dichiarato che “continuerà a impegnarsi per sostenere i cittadini svizzeri che hanno espresso il desiderio di lasciare il Sudan”. Ha inoltre fatto sapere di essere alla ricerca di soluzioni per le circa 30 persone con doppia cittadinanza che vogliono ancora lasciare il Paese dell’Africa nord-orientale. La situazione è complicata dal fatto che i sudanesi hanno bisogno di un permesso di uscita per lasciare il Paese, ha dichiarato l’ambasciatore Christian Winter. Questo non può essere ottenuto a causa della mancanza di un Governo in Sudan.

Martedì il ministro degli Esteri elvetico Ignazio Cassis ha ricevuto all’aeroporto di Berna un aereo con sei membri del personale dell’ambasciata svizzera a Khartoum e tre accompagnatori. “Tutto il personale dell’ambasciata è ora al sicuro e la maggior parte si trova in Svizzera”, ha dichiarato Cassis. Ha ringraziato gli Stati che si sono resi disponibili per facilitare l’evacuazione.

L’Italia evacua alcuni cittadini svizzeri dal Sud Sudan

Situazione umanitaria in crisi

Martedì, sudanesi e stranieri sono usciti dalla capitale Khartoum e da altre zone di battaglia, mentre i combattimenti hanno interrotto una nuova tregua di tre giorni mediata dagli Stati Uniti e dall’Arabia Saudita. Le agenzie umanitarie hanno lanciato un crescente allarme per la situazione umanitaria che si sta sgretolando in un Paese che dipende dagli aiuti esterni.

Una serie di brevi cessate il fuoco sono falliti del tutto o hanno portato solo pause intermittenti nei combattimenti che dal 15 aprile imperversano tra le forze fedeli ai due principali generali del Paese.

Almeno 459 persone, tra civili e combattenti, sono state uccise e oltre 4’000 ferite dall’inizio dei combattimenti, ha dichiarato l’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite, citando il ministero della Sanità del Sudan. Tra questi, 166 morti e oltre 2’300 feriti a Khartoum.

Contenuto esterno


Attualità

adesivi che indicano direzioni in tedesco e ucraino

Altri sviluppi

Statuto S per rifugiati ucraini, giro di vite per contrastare gli abusi

Questo contenuto è stato pubblicato al Due mozioni parlamentari chiedono che le condizioni e le regole riguardanti lo statuto di protezione S concesso alle rifugiate e ai rifugiati ucraini vengano inasprite per evitare abusi.

Di più Statuto S per rifugiati ucraini, giro di vite per contrastare gli abusi
bandiera svizzera

Altri sviluppi

Svizzera molto vulnerabile agli shock geopolitici

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli economisti di UBS, la Svizzera presenta una vulnerabilità superiore alla media agli shock geopolitici, ma nel contempo il Paese ha imparato anche a far fronte ai relativi rischi.

Di più Svizzera molto vulnerabile agli shock geopolitici
confezioni di cereali

Altri sviluppi

Troppo zucchero nei prodotti per l’infanzia, ONG chiede alla Svizzera di agire contro Nestlé

Questo contenuto è stato pubblicato al Public Eye ha chiesto alla Segreteria di Stato dell'economia (Seco) di trascinare davanti alla giustizia Nestlé, rea secondo l'organizzazione non governativa di vendere prodotti per l'infanzia con zucchero aggiunto nei Paesi a basso reddito.

Di più Troppo zucchero nei prodotti per l’infanzia, ONG chiede alla Svizzera di agire contro Nestlé
Thomas Aeschi

Altri sviluppi

Zuffa tra un eletto e la polizia a Palazzo federale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il consigliere nazionale e presidente del gruppo parlamentare dell'Unione democratica di centro, Thomas Aeschi, si è azzuffato mercoledì mattina con agenti di polizia armati, di guardia a Palazzo federale.

Di più Zuffa tra un eletto e la polizia a Palazzo federale
Françoise Hardy

Altri sviluppi

È morta Françoise Hardy

Questo contenuto è stato pubblicato al La cantante e attrice francese, icona degli anni Sessanta, è morta martedì all'età di 80 anni.

Di più È morta Françoise Hardy
Hunter Biden

Altri sviluppi

Hunter Biden condannato per possesso illegale di un’arma da fuoco

Questo contenuto è stato pubblicato al Un tribunale del Delaware ha condannato il figlio del presidente statunitense per aver violato le leggi che vietano alle persone con una dipendenza da droghe illegale di possedere armi da fuoco. La pena massima è di 25 anni di prigione, ma essendo incensurato è probabile che non finirà dietro alle sbarre.

Di più Hunter Biden condannato per possesso illegale di un’arma da fuoco
emmanuel macron

Altri sviluppi

Macron lancia un appello alle forze moderate per fare fronte comune

Questo contenuto è stato pubblicato al In vista delle elezioni anticipate convocate per il 30 giugno, il presidente francese ha invitato le forze repubblicane a lavorare assieme per contrastare l'avanzata dell'estrema destra, uscita vittoriosa dalle europee.

Di più Macron lancia un appello alle forze moderate per fare fronte comune

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR