La televisione svizzera per l’Italia

Quasi un anziano su cinque non chiede l’aiuto statale a cui avrebbe diritto

persone con un formulario sottomano
Molti rinunciano consapevolmente alle prestazioni per il timore della burocrazia. © Keystone / Christian Beutler

In Svizzera circa 230'000 persone anziane in condizioni precarie non ricevono le prestazioni complementari, anche se ne avrebbero diritto.

Le prestazioni complementari sono assegnate dai Cantoni e servono a sostenere quelle persone in pensione o a beneficio dell’Assicurazione invalidità che non hanno rendite sufficienti per coprire il fabbisogno vitale.

Secondo uno studio della Scuola universitaria professionale di scienze applicate di Zurigo (ZHAW), commissionato da Pro Senectute e presentato lunedì, ancora troppe persone però non fanno capo a questo aiuto.

Il 15,7% dei potenziali beneficiari, ossia circa 230’000 persone di età superiore ai 65 anni che vivono a casa, non ricevono le prestazioni complementari, pur avendone diritto.

Il mancato ricorso alle prestazioni complementari rimane una sfida, sottolinea Pro Senectute.

+ “Siamo sempre con l’acqua alla gola”: la testimonianza di due anziani

Mancata conoscenza, paura e vergogna

Tra i motivi di questo fenomeno, lo studio cita in primo luogo la carenza di informazioni su queste prestazioni.

Un’altra ragione può essere la decisione consapevole di rinunciare a chiederle per l’onere di tempo che comporta tale procedura o perché non si è in grado di adempiere a tutte le formalità richieste.

Ci sono poi persone che non vogliono “pesare” sulla collettività o dipendere da “denaro di altri”. O infine persone che hanno vergogna di essere additate come beneficiarie delle PC o, nel caso di pensionati che non hanno la nazionalità svizzera, temono di perdere il diritto di soggiorno.

+ Come funziona il sistema pensionistico svizzero

Cresce il bisogno di prestazioni complementari

Ad essere toccate sono in particolare le donne, le vedove, i cittadini e le cittadine stranieri e le persone senza istruzione secondaria o terziaria. La maggior parte di loro vive inoltre in comuni rurali. Pro Senectute parte dal presupposto che il bisogno di prestazioni integrative continuerà ad aumentare a causa dell’invecchiamento della società e dell’attuale aumento del costo della vita.

Lo studio si basa su un sondaggio rappresentativo, effettuato fra giugno e agosto 2022, su un campione di 3’300 persone di età superiore ai 65 anni che vivono a casa propria, nelle tre regioni linguistiche.

Attualità

due tossici condividono una dose di fentanyl

Altri sviluppi

Il Fentanyl si fa strada in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La città di Coira, capitale del canton Grigioni, è diventata uno dei maggiori centri di consumo di stupefacenti in Svizzera. Tra questi anche una "new entry": il Fentanyl.

Di più Il Fentanyl si fa strada in Svizzera
ape su un fiore

Altri sviluppi

In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

Questo contenuto è stato pubblicato al A pochi giorni dalla Giornata internazionale delle api, che cade il 20 maggio, l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) ha pubblicato venerdì la nuova Lista rossa delle api, che fa il punto sulle specie minacciate.

Di più In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato
edificio in vetro

Altri sviluppi

La FIFA può trasferire la sua sede da Zurigo

Questo contenuto è stato pubblicato al Riunito venerdì a Bangkok, il Congresso della Federazione internazionale di calcio (FIFA) ha approvato una modifica al suo statuto che crea le basi per consentire eventualmente all'associazione di trasferire la sua sede da Zurigo. La FIFA è nella città sulla Limmat dal 1932.

Di più La FIFA può trasferire la sua sede da Zurigo
due persone attraversano una strada con bandiere arcobaleno

Altri sviluppi

In forte crescita le manifestazioni d’odio nei confronti della comunità LGBTIQ+

Questo contenuto è stato pubblicato al L'anno scorso sono stati segnalati 305 casi di ingiurie o attacchi verso persone lesbiche, gay, bisessuali, trans, non binarie, intersessuali e queer. Le violenze verbali e fisiche sono più che raddoppiate nel giro di un solo anno.

Di più In forte crescita le manifestazioni d’odio nei confronti della comunità LGBTIQ+
zofingen

Altri sviluppi

L’aggressore di Zofingen è un 43enne con turbe mentali

Questo contenuto è stato pubblicato al Nessuna delle sei persone ferite ieri, di cui due in modo grave, è in pericolo di morte. La procura ha intanto aperto un'inchiesta per tentato omicidio multiplo.

Di più L’aggressore di Zofingen è un 43enne con turbe mentali

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR