Navigation

L'Italia ricorda il rapimento di Aldo Moro

L'Italia ha commemorato oggi il 40esimo anniversario del rapimento del leader di Democrazia Cristiana Aldo Moro e l'uccisione della sua scorta. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 marzo 2018 - 20:56
tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 16.03.2018)
Contenuto esterno


Il rapimento di Aldo Moro e l'uccisione della sua scorta il 16 marzo del 1968 da parte delle Brigate Rosse, poi la prigionia e il suo assassinio, il seguente 9 maggio, sono ricordi che continuano a pesare sulla memoria collettiva di tutto il paese.

Il suo cadavere fu ritrovato in una strada, tra le sedi della DC e del partito comunista. Le due entità politiche che Moro voleva far dialogare in un "compromesso storico".

Per commemorare l'anniversario di quello che è stato recentemente definito dall'ex direttore di repubblica Ezio Mauro come "l'11 settembre dell'Italia", in Via Fani a Roma, dove si svolsero i fatti, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha inaugurato un monumento alla memoria degli agenti della scorta del capo di Democrazia Cristiana. 

"Una mattina di 40 anni fa il più grave attacco alla Repubblica. L'Italia rende omaggio a un grande leader politico, ai carabinieri Leonardi e Ricci e agli agenti di Polizia Iozzino Rivera e Zizzi" ha scritto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.