Navigation

Quando la Bibbia è multimediale

Mappe interattive, esplorazione virtuale di opere d'arte e architettoniche, cronologie dinamiche: la app 'Bibleworld' sfrutta tutto il potenziale digitale del testo sacro e vince il Grand Prix Möbius

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 ottobre 2014 - 15:34

In Europa, i prodotti editoriali più innovativi e di qualità passano ogni anno al vaglio del Prix Möbius des Multimédias. Istituito all'epoca dei CD-ROM, ha poi esteso la sua attenzione ai siti web e alle applicazioni per telefonino o tablet, ma un punto è rimasto fermo: la finale per l'area linguistica italianaLink esterno si tiene a Lugano, dove sabato è stata premiata la app 'Bibleworld'.

La giuria ha riconosciuto a 'Bibleworld', tra l'altro, la varietà di chiavi di accesso ai contenuti. La ricerca per simboli, l'esplorazione dei mappe interattive, il repertorio di opere d'arte e la visita virtuale di opere architettoniche, le cronologie storiche: tutto è utile a leggere e capire la Bibbia, senza intaccare -sottolinea l'editore, San Paolo- la centralità del testo.

Bibleworld vince dunque il Möbius 'editoria in transizione', che prende in considerazione le pubblicazioni multimediali di tutta l'Europa italofona; gli altri finalisti erano ¡Pista libre!Link esterno, corso di spagnolo di Loescher Editore, e 'Le origini di Venezia'Link esterno, di ASH Multimedia.

Un secondo riconoscimento, chiamato Möbius Suisse, è invece destinato alle applicazioni svizzere di qualità. Qui si è imposto NewscronLink esterno, un aggregatore di notizie, che permette di attingere a decine di fonti giornalistiche e filtrarle in base ai propri interessi. Newscron non è nuova al pubblico: come migliore start-up, ha già vinto premi a livello locale e nazionale.

Le altre due finaliste del Möbius Suisse erano la piattaforma TimerepublikLink esterno, una banca del tempo, e l'app LuganowLink esterno.

Infine, un premio speciale ai giovani Eleonora Passerini e Fabrizio De Zolt. Agli studenti del corso applicazioni multimediali e nuovi media dell'Università della Svizzera italiana, era stato chiesto di sviluppare un'idea di comunicazione per il LACLink esterno, il nuovo centro e polo culturale della Città di Lugano.

Altre informazioni sul concorso, e sul simposio che ha concluso sabato la manifestazione, all'indirizzo http://www.moebiuslugano.ch/Link esterno.

Il servizio è di Rino Scarcelli.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.