La televisione svizzera per l’Italia

Pubblicità no grazie: la controffensiva della Posta svizzera

cassetta delle lettere
Questo genere di adesivi è assai comune sulle cassette delle lettere svizzere. Keystone / Patrick B. Kraemer

Da alcuni mesi la Posta Svizzera ha lanciato una campagna contro chi non vuole la pubblicità nella sua cassetta delle lettere. Un'iniziativa che non piace alla Federazione romanda dei consumatori.

“Pubblicità, no grazie”: questo genere di adesivi è assai comune sulle cassette delle lettere della popolazione svizzera, che si risparmia così di ricevere quintali di opuscoli indesiderati.

Ma per la Posta svizzera ciò significa minori introiti. Per questa ragione il gigante giallo – com’è soprannominata nella Confederazione l’azienda di proprietà dello Stato – ha lanciato una campagna per cercare di convincere di sostituire questi adesivi con altri che recitano “La pubblicità è benvenuta” o “Sì alla pubblicità”.

Il servizio del TG:

Contenuto esterno

La lettera che accompagna l’invio di questi adesivi argomenta le ragioni a favore della pubblicità. Ad esempio, la Posta spiega che i potenziali buoni sconto e le promozioni ricevute farebbero risparmiare 2’548 franchi all’anno, senza specificare esattamente di quali prodotti o servizi si stia parlando, indicaCollegamento esterno la Radiotelevisione svizzera di lingua francese RTS.

La società spiega questa sua campagna con il forte calo del volume di lettere e con il fatto che ci sono in gioco centinaia di posti di lavoro. “La pubblicità è un pilastro importante, che contribuisce a finanziare il servizio pubblico universale e a garantire degli impieghi”, ha dichiarato la portavoce della Posta Nathalie Dérobert-Fellay.

La campagna della Posta non è però piaciuta alla Federazione romanda dei consumatori (FRC), che ha sporto denuncia presso la Commissione per la lealtà, un’istituzione indipendente che ha come obiettivo l’autocontrollo della pubblicità. Per un giurista della FRC, la campagna è problematica da un punto di vista della protezione dei dati e della sfera privata.

Vi è poi l’aspetto ecologico. Gran parte dei volantini che arrivano nelle cassette delle lettere finisce direttamente al riciclaggio. La pubblicità rappresenta tra i 40 e i 60 chili di carta per famiglia all’anno. Secondo il WWF, la carta rappresenta il 40% degli alberi abbattuti sul pianeta.

Attualità

adesivi che indicano direzioni in tedesco e ucraino

Altri sviluppi

Statuto S per rifugiati ucraini, giro di vite per contrastare gli abusi

Questo contenuto è stato pubblicato al Due mozioni parlamentari chiedono che le condizioni e le regole riguardanti lo statuto di protezione S concesso alle rifugiate e ai rifugiati ucraini vengano inasprite per evitare abusi.

Di più Statuto S per rifugiati ucraini, giro di vite per contrastare gli abusi
bandiera svizzera

Altri sviluppi

Svizzera molto vulnerabile agli shock geopolitici

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli economisti di UBS, la Svizzera presenta una vulnerabilità superiore alla media agli shock geopolitici, ma nel contempo il Paese ha imparato anche a far fronte ai relativi rischi.

Di più Svizzera molto vulnerabile agli shock geopolitici
confezioni di cereali

Altri sviluppi

Troppo zucchero nei prodotti per l’infanzia, ONG chiede alla Svizzera di agire contro Nestlé

Questo contenuto è stato pubblicato al Public Eye ha chiesto alla Segreteria di Stato dell'economia (Seco) di trascinare davanti alla giustizia Nestlé, rea secondo l'organizzazione non governativa di vendere prodotti per l'infanzia con zucchero aggiunto nei Paesi a basso reddito.

Di più Troppo zucchero nei prodotti per l’infanzia, ONG chiede alla Svizzera di agire contro Nestlé
Thomas Aeschi

Altri sviluppi

Zuffa tra un eletto e la polizia a Palazzo federale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il consigliere nazionale e presidente del gruppo parlamentare dell'Unione democratica di centro, Thomas Aeschi, si è azzuffato mercoledì mattina con agenti di polizia armati, di guardia a Palazzo federale.

Di più Zuffa tra un eletto e la polizia a Palazzo federale
Françoise Hardy

Altri sviluppi

È morta Françoise Hardy

Questo contenuto è stato pubblicato al La cantante e attrice francese, icona degli anni Sessanta, è morta martedì all'età di 80 anni.

Di più È morta Françoise Hardy
Hunter Biden

Altri sviluppi

Hunter Biden condannato per possesso illegale di un’arma da fuoco

Questo contenuto è stato pubblicato al Un tribunale del Delaware ha condannato il figlio del presidente statunitense per aver violato le leggi che vietano alle persone con una dipendenza da droghe illegale di possedere armi da fuoco. La pena massima è di 25 anni di prigione, ma essendo incensurato è probabile che non finirà dietro alle sbarre.

Di più Hunter Biden condannato per possesso illegale di un’arma da fuoco
emmanuel macron

Altri sviluppi

Macron lancia un appello alle forze moderate per fare fronte comune

Questo contenuto è stato pubblicato al In vista delle elezioni anticipate convocate per il 30 giugno, il presidente francese ha invitato le forze repubblicane a lavorare assieme per contrastare l'avanzata dell'estrema destra, uscita vittoriosa dalle europee.

Di più Macron lancia un appello alle forze moderate per fare fronte comune

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR