Navigation

Formazione sanitaria per rifugiati, un successo

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 08 maggio 2017 - 21:35
tvsvizzera/spal con RSI (TG dell'8.5.2017)

Per decenni il lavoro è stato un tabù per i rifugiati, cui non era consentito di lavorare nella Confederazione.

Ma ora si è finalmente affermato il principio che l’integrazione degli stranieri passa soprattutto attraverso il ruolo che possono ricoprire all’interno della società, come cerca di favorire l’esperimento condotto a Zofingen (Argovia) dalla Croce Rossa, in collaborazione con la Segreteria della migrazione.

Oltre 350 profughi hanno seguito una formazione nel settore sanitario e sono pronti a fornire il loro contributo come ausiliari nelle case anziani o nei servizi di cure a domicilio. 

Un progetto che a conti fatti, pur costando 9'000 franchi per ogni allievo-profugo, è di gran lunga meno oneroso della spesa di assistenza annuale pari a 25'000 franchi. E l’esperienza fatta con altre categorie di immigrati attestano che l’80% dei soggetti formati ottiene un posto fisso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.