Navigation

È morto il signore dei ponti

L'ingegnere civile e progettatore di ponti conosciuto internazionalmente Christian Menn è deceduto lunedì all'età di 91 anni. Durante la sua carriera ha disegnato oltre cento ponti nel mondo, ma la sua attenzione era rivolta principalmente ai Grigioni.

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 luglio 2018 - 16:41
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


La scomparsa - di cui ha riferito oggi la "Neue Zürcher Zeitung" online - è stata confermata dalla vedova. Menn era nato nel 1927 a Meiringen (Canton Berna) da una famiglia di origini retiche. Ha studiato al Politecnico federale di Zurigo (ETH) e ha aperto il suo studio di ingegneria civile a Coira nel 1957.

Tra le sue opere figurano il ponte Nanin e il ponte Cascella sull'A13 a nord di Mesocco, il ponte sul Reno a Reichenau-Tamins (1962), quello sulla Reuss a Wassen (UR, 1972), il ponte Felsenau a Berna (1974), il ponte del Ganter lungo la strada del Passo del Sempione (VS, 1980), quello del Sunniberg a Klosters (GR, 1998) così come il ponte Zakim Bunker Hill sul Charles River a Boston (USA, 2003).

Nel 1971 è stato nominato professore di statica e costruzione all'ETH. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti e dal 1996 era dottore honoris causa dell'Università di Stoccarda.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.