Navigation

Condanna a due anni per una ex guardia delle SS

Bruno D. giovedì in aula. Keystone / Fabian Bimmer

Un uomo di 93 anni, che nel 1944 prestò servizio come guardia SS nel campo di concentramento di Stutthof vicino Danzica, è stato condannato a due anni di reclusione dal tribunale dei minorenni di Amburgo. Li sconterà in libertà vigilata. Era accusato di complicità nell'uccisione di 5233 persone.

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 luglio 2020 - 21:05
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 23.07.2020)

All'epoca dei fatti l'imputato aveva 17 anni e per questo è stato giudicato secondo la giurisdizione che si applica ai minori. La pubblica accusa aveva chiesto per lui una pena di tre anni.

Bruno D. è nato nel 1927 e il processo, aperto lo scorso autunno, ha fatto molto discutere in Germania, dove dal 2011 non si perseguono più soltanto i soldati che si sono direttamente macchiati del sangue delle vittime ma anche coloro che furono impiegati nei campi di concentramento.

Contenuto esterno

Nel campo di Stutthof, nei suoi lager-satellite e durante le cosiddette "marce della morte", morirono in tutto circa 65'000 persone: ebrei, omosessuali, prigionieri politici, Rom, civili polacchi e partigiani.

End of insertion

In servizio con le SS in uno dei campi dell'odierna Polonia, secondo la corte Bruno D. fu per mesi un "ingranaggio della macchina omicida"; 5'232 i capi d'imputazione, benché l'uomo non abbia materialmente preso parte ad alcuno degli omicidi.

Inizialmente dichiaratosi non colpevole e non pentito, poiché arruolato e inviato a Stutthof contro la sua volontà, l'uomo durante la penultima udienza ha infine chiesto scusa ai sopravvissuti e ai familiari delle vittime per quanto accaduto, aggiungendo di aver realizzato solo nel corso del processo, attraverso le testimonianze, le atrocità di cui era stato testimone.

"Oggi mi vorrei scusare con quelli che hanno dovuto attraversare questo inferno di follia e con i loro familiari. Una cosa del genere non deve più ripetersi", ha detto.

Contenuto esterno

Pesanti le critiche di alcune associazioni ebraiche, secondo le quali la pena avrebbe dovuto essere ben più severa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.