Navigation

Primo passo verso la vendita di alcolici alla Migros

Sulla questione della vendita di alcolici si esprimeranno ora le cooperative regionali. Keystone / Georgios Kefalas

La Migros, il principale dettagliante della Confederazione, si appresta a sfatare un vero e proprio tabù, mettendo in vendita nei suoi negozi le bevande alcoliche.

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 novembre 2021 - 21:03
tvsvizzera.it/spal con Keystone-ATS

La maggioranza dei delegati della Federazione delle cooperative del gigante arancione (FCM), riuniti a Zurigo, ha infatti votato - con 85 voti contro 22 - in favore di un cambiamento degli statuti per derogare al divieto del fondatore Gottlieb Duttweiler voleva evitare di contribuire al fenomeno della dipendenza della popolazione dall'alcol (per lo stesso principio il grande distributore non vende tabacchi).

Il suo cruccio era infatti quello che i clienti, attratti dalla politica di prezzi convenienti della Migros, facessero incetta di prodotti legali che creano dipendenze nocive.

Contenuto esterno

In realtà quello di oggi non è che un primo passo verso una liberalizzazione che potrebbe riguardare solo alcune regioni della Svizzera.

Spetterà infatti alle amministrazioni e ai comitati delle dieci cooperative regionali riunirsi per decidere, entro il 3 dicembre e con una maggioranza di due terzi, se accettare i nuovi contratti ed eventualmente sottoporre la questione all'insieme dei loro soci entro il 4 giugno 2022.

Nel 2023 infine, i negozi delle cooperative che dovessero aver accettato i cambiamenti con una maggioranza dei due terzi, e solo questi, potranno mettere negli scaffali vino, birra e superalcolici.

Ma il voto odierno certifica il fatto che il tema, archiviato in un cassetto per molti decenni dopo la morte del fondatore della catena di distribuzione elvetica (e del partito ora scomparso, l'Anello degli indipendenti) nel 1962, è improvvisamente tornato d'attualità.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.