Navigation

Pride in giro per il mondo

Si è fatto molto, ma resta anche molto da fare, dicono i manifestanti Copyright 2021 The Associated Press. All Rights Reserved.

Migliaia di persone sono scese in strada in diverse città in tutto il mondo per partecipare ai cortei dell'orgoglio LGBTQ+, in conclusione del mese dell’orgoglio omosessuale (Pride Month).

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 giugno 2021 - 21:54
tvsvizzera.it/mrj

Manifestazioni che hanno sfidato la pioggia, i divieti delle autorità o la minaccia pandemica. I partecipanti hanno sottolineato - in qualche caso - i progressi fatti, ma soprattutto hanno ricordato che la battaglia per i diritti LGBTQ+ è ancora lunga.

A Ginevra molti striscioni ricordavano la votazione del prossimo 26 settembre, quando la popolazione sarà chiamata a esprimersi sul “Matrimonio per tutti”. Tra i manifestanti anche persone eterosessuali, venute per sostenere la comunità arcobaleno: “Meritano rispetto, devono potersi sposare, avere figli, vivere come tutti”.

Contenuto esterno

Uguaglianza che in diverse parti del mondo è un miraggio più o meno lontano. Negli Stati Uniti, per esempio, uno studio ha rivelato che due giovani LGBTQ+ su cinque hanno già considerato il suicidio.

Molto resta ancora da fare e se in alcune regioni del mondo si fanno dei progressi, in altre si fanno passi indietro: ne è un esempio la nuova legge ungherese anti-LGBT, elaborata per lottare contro la pedopornografia, ma che permette solo la rappresentazione di situazioni eterosessuali. Un testo che è stato denunciato nuovamente sabato nelle piazze di Berlino e di Parigi.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.