Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Pop art in mostra Quando un budino diventa arte

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Andy Warhol e Roy Lichtenstein sono stati tra i più importanti rappresentanti della pop art, ma anche in Svizzera i talenti non sono mancati. Una mostra ad Aarau svela come gli artisti elvetici hanno interpretato questa corrente artistica.

La pop art, abbreviazione di “popular art”, ovvero “arte popolare”, è nata negli Stati Uniti e in Gran Bretagna alla fine degli anni Cinquanta. Un’espressione artistica dai colori vivaci, che si appropria di beni di consumo quotidiani e simboli della società del Dopoguerra. Chi non ha mai visto i ritratti di Marylin Monroe firmati Andy Warhol? O uno dei quadri-fumetti di Roy Lichtenstein?

Questa corrente ha fatto emuli anche in Svizzera, come si può scoprire in un’esposizione Link esternopresentata al Kunsthaus di Aarau. “C’erano elementi che venivano imitati, come i colori sgargianti di Andy Warhol o i punti di Roy Lichtenstein, ma si ricorreva anche a motivi tipicamente elvetici, come gli chalet, i gerani, il formaggio", spiega la curatrice della mostra Madeleine Schuppli.

Un'arte superficiale? “No, non è stata un’arte senza contenuti. Il suo contenuto era il presente, gli artisti osservavano il proprio tempo, anche attraverso i media, la pubblicità, la moda. Nelle loro opere riproducevano lo stile di vita moderno di allora”.


tvsvizzera.it/mar con RSI (TG del 16.5.2017)

×