Navigation

Genova, sono una ventina i dispersi tra le macerie

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 16 agosto 2018 - 21:17
tvsvizzera/ats/spal con RSI (TG del 16.8.2018)

Potrebbero ancora esserci 10 o 20 dispersi nel crollo del Ponte Morandi sull'A10 a Genova in cui sono morte finora 39 persone, secondo quanto ha precisato il procuratore capo Francesco Cozzi.

Mentre proseguono senza sosta le ricerche sotto le macerie da parte di 340 vigili del fuoco, nella speranza di trovare sopravvissuti. Le indagini si sono estese a nuovi reati nei confronti dei presunti responsabili della tragedia che coinvolge la Società Autostrade: oltre a disastro e omicidio plurimo colposo gli inquirenti vagliano l'ipotesi di attentato alla sicurezza nei trasporti. E anche il Ministero delle Infrastrutture ha fatto sapere di avere avviato un'istruttoria.

Il rebus della concessione

Sul piano politico intanto infuria la polemica e agli annunci di una possibile revoca della concessione ad Autostrade per l'Italia, in particolare da parte di esponenti dei Cinque Stelle e dello stesso premier Giuseppe Conte, il titolo in Borsa a Milano di Atlantia si è deprezzato del 22%. Nel corso della giornata i toni si sono attenuati e da parte della Lega si è avanzata la possibilità di un compromesso.

Il ministro dell'Interno Matteo Salvini in proposito ha sollecitato i vertici della società concessionaria, che controlla metà della rete autostradale italiana e diverse infrastrutture analoghe all'estero, a pagare le spese degli interventi e indennizzi ai parenti delle vittime e agli sfollati, "in seguito si vedrà".

In serata però il vicepremier Luigi Di Maio ha ribadito l'intenzione di revocare la concessione e l'atto avviato dal Ministero delle infrastrutture costituisce "un'accelerazione". Sembrano emergere insomma diverse sensibilità all'interno dell'esecutivo.

Un anno per ricostruire il Ponte Morandi

Il presidente della regione Giovanni Toti ha sostenuto che in un anno il viadotto può essere ricostruito mentre in precedenza la Società Autostrade aveva previsto addirittura 5 mesi per il completamento dell'opera. "Chi lo pagherà sarà Autostrade, chi lo costruirà lo valuteremo", ha aggiunto in proposito il sottosegretario alle Infrastrutture Edoardo Rixi.  

Oggi si è poi fatta sentire anche l'Unione europea che per bocca del portavoce della Commissione Christian Spahr ha ricordato che, "per quanto riguarda la responsabilità sulla sicurezza delle infrastrutture stradali sul Trans-European transport network (Tent), nel caso sia gestita da un operatore privato, è il concessionario ad avere la responsabilità della sicurezza e della manutenzione della strada".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.