Navigation

Pietro, un detenuto che lavora ad Expo

Grazie a un apposito programma di reinserimento sociale disposto dal Ministero della Giustizia, Pietro e altri 99 detenuti lavorano a Expo per sei giorni alla settimana

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 luglio 2015 - 10:31

Pietro D'Ambrosio è un detenuto. Il carcere di Opera è la sua prigione da tredici anni a causa di una pena dovuta a reati che lui stesso definisce "gravi e dalle conseguenze talvolta irreparabili".

Grazie a un apposito programma di reinserimento sociale disposto dal Ministero della Giustizia, Pietro e altri 99 detenuti lavorano a Expo per sei giorni alla settimana. Più che un assaggio di libertà per chi, a 34 anni, vede nel grande evento milanese un bagliore di luce in fondo al tunnel.

(Andrea Eusebio/alaNEWS)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.