Navigation

Un colosso che divide i fiorentini

Alta 12 metri, la scultura di Urs Fischer svetta in Piazza Signoria. Keystone

Da venerdì una monumentale scultura dello svizzero Urs Fischer troneggia in Piazza della Signoria. Un’opera d’arte alta dodici metri che non piace però a tutti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 settembre 2017 - 21:17
tvsvizzera.it/mar con RSI (TG del 23.9.2017)

Si chiama Big Clay #4 e come già due anni fa, quando sulla stessa piazza in occasione della Biennale di FirenzeLink esterno fu esposta una statua di Jeff Koons, il meno che si possa dire è che fa discutere.

Il sindaco della città, Dario Nardella, ha cercato di gettare acqua sul fuoco, ricordando che Firenze non può vivere solo di rinascimento ma deve dare spazio anche a quell’arte che genera critiche, stupore e perplessità.

È un progetto “nato poco a poco […], partito da un piccolo modello di terracotta”, spiega Urs Fischer alla Radiotelevisione Svizzera, sorridendo per le polemiche. 

Contenuto esterno


L’artista svizzero sottolinea poi che tutte le statue che oggi si ammirano così tanto a Firenze sono in sostanza delle copie: “Prendiamo per esempio quelle sculture là, del rinascimento, le persone vengono qui a Firenze pensano che magari siano cose originali. Si tratta invece di un concetto post moderno, tutto questo viene da una imitazione romana della scultura statuaria greca. Voi non state guardando cose originali ma soltanto delle copie, rifatte centinaia di anni dopo”. 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.