Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Per i cittadini Ue Nessun visto per entrare in Gran Bretagna

Non servirà il visto per viaggiare dall'Europa alla Gran Bretagna dopo la Brexit. È questa la linea che ha scelto il governo di Londra impegnato nei difficili negoziati sull'uscita dall'Unione. Dovranno invece richiedere un permesso quanti vogliono lavorare, studiare o trasferirsi nel Paese. 

GB

Per i cittadini europei non sarà necessario un visto per entrare in Gran Bretagna

Viene quindi esclusa l'opzione di introdurre rigidi controlli alle frontiere, adottando modelli simili a quelli vigenti negli Stati Uniti e in Australia.

Nel caso britannico infatti la responsabilità del monitoraggio sui flussi migratori non ricadrà tanto su polizia e addetti alla sicurezza delle dogane quanto sui funzionari dei servizi pubblici, sulle banche, sui datori di lavoro e sui proprietari di casa che dovranno verificare i documenti di chi arriva dal continente e vuole trasferirsi nel Regno. 

La premier Theresa May ha precisato comunque che le regole attuali sono destinate a cambiare e ribadito che non ci sarà più la libertà di circolazione come è prevista oggi. La posizione di Londra, sebbene restino ancora da definire molti dettagli, ha comunque suscitato le critiche di chi afferma che in questo modo non si possono controllare in modo sicuro gli ingressi. 

A partire dall'ex leader dell'Ukip, Nigel Farage, secondo cui ancora una volta ci si "inchina" al volere di Bruxelles. Non la pensa così invece il deputato conservatore, fortemente euroscettico, Andrew Bridgen, secondo cui non avrebbe senso imporre un visto ai viaggiatori europei. 

"Le stesse restrizioni varrebbero poi imposte ai britannici che visitano il continente - ha detto - vi sembra possibile avere un sistema di visti per fare un fine settimana a Parigi?". Mentre si accende il dibattito viene pubblicato un dato che fa discutere, il record di lavoratori europei nel Regno, nonostante la Brexit. 

Aumentano i lavoratori europei

Hanno raggiunto i 2,37 milioni dopo un aumento di 126 mila nel periodo aprile-giugno 2017 rispetto all'anno scorso. Stando al Financial Times, il numero è salito soprattutto per i lavoratori in arrivo da Romania e Bulgaria ma il tasso di crescita inizia a dare segni di rallentamento rispetto al passato. In particolare per chi arriva dai 14 Paesi che sono da più tempo membri dell'Ue, come Germania, Italia, Spagna e Francia. 

Resta da vedere come Londra riuscirà realmente a controllare l'immigrazione come ha promesso più volte il partito conservatore. E le proposte del governo May devono trovare il sostegno nella controparte europea per tradursi in realtà.




tvsvizzera.it/fra con RSI

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×