Navigation

Pasolini, le confessioni di un artista geniale e controverso

Pier Paolo Pasolini durante le riprese di "Accattone" del 1960 Keystone / Str

Il grande scrittore e regista italiano, di cui è appena trascorso il centenario dalla nascita, negli archivi della Radiotelevisione svizzera RSI.

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 aprile 2022 - 09:00
tvsvizzera.it/spal con RSI (Archivi)

Lo scorso 5 marzo ricorrevano i cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini. Poeta, scrittore, cineasta, drammaturgo e intellettuali tra i più influenti in Italia nel secolo scorso, Pasolini è stato un acuto e sagace critico della società italiana uscita dal secondo conflitto mondiale fino ai turbolenti anni anni '70.

I suoi controversi e perspicaci giudizi sulla cultura borghese dominante nella società dei consumi occidentale, ma anche dei movimenti contestatari del '68, hanno innescato accesi dibattiti, la cui eco è giunta anche in Svizzera.

Dagli archivi della Radiotelevisione svizzera di lingua italiana riproponiamo un'intervista del 1969 condotta da Marco Blaser, giornalista ed ex direttore dell'emittente pubblica.

Nell'incontro il poliedrico intellettuale italiano spiega il suo peculiare approccio nei confronti dell'arte, non confinato in un unico ambito segmentato e ripropone la sua polemica ai movimenti della neoavanguardia letteraria e del Sessantotto.

In particolare il movimento di contestazione della fine degli anni '60, ai suoi occhi di marxista eterodosso, non ha saputo scongiurare al suo interno il "pericolo di demagogia e moralismo", che ha portato a derive che lui riassume con la formula di "fascismo di sinistra".

Contenuto esterno

Il secondo contributo è un documentario RSI del 1967 realizzato da Gianmatteo Fernaldo che offre un ritratto intenso e intimo di Pier Paolo Pasolini a casa sua, con le testimonianze della madre e di altre persone a lui vicine.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?