Navigation

Immigrati islamici, bloccato il nuovo bando di Trump

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 16 marzo 2017 - 13:04
tvsvizzera/spal con RSI (ZG del 16.3.2017)

Il nuovo bando di Donald Trump contro l’immigrazione da alcuni paesi a maggioranza islamica ritenuti a rischio ha incontrato ancora una volta l’opposizione della giustizia.

Anche la seconda versione del decreto presidenziale, corretta in alcuni punti ritenuti problematici rispetto alla precedente, è stata bloccata a poche ore dalla sua entrata in vigore da un giudice federale delle Hawaii e numerosi altri tribunali stanno esaminando il contestato testo.

Per il magistrato dell’arcipelago sul Pacifico, Derrick Watson, il decreto contiene “prove significative e inconfutabili di animosità religiosa” e comporta a suo giudizio il “rischio probabile” di creare un “pregiudizio irreparabile”. In sostanza viene ritenuta discriminatoria la selezione delle entrate negli Stati Uniti in base alla nazionalità di provenienza.

A nulla è quindi valsa l’esclusione dal provvedimento dei titolari di un permesso di residenza e il depennamento dell’Iraq dalla lista dei sette paesi musulmani ai cui cittadini viene vietato provvisoriamente l’ingresso negli Stati Uniti (Siria, Iran, Somalia, Libia, Yemen e Sudan).

Ricevuta la notizia nel corso di un incontro con il suo elettorato in Tennessee, Donald Trump ha inveito contro quello che giudica “un abuso senza precedenti” da parte dei giudici e ha promesso di continuare a lottare per rendere sicure le frontiere americane. A questo scopo il presidente ha affermato che questa volta è disposto a giungere fino alla Corte Suprema. 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.