Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

No di un giudice alle Hawaii Immigrati islamici, bloccato il nuovo bando di Trump

bando

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il nuovo bando di Donald Trump contro l’immigrazione da alcuni paesi a maggioranza islamica ritenuti a rischio ha incontrato ancora una volta l’opposizione della giustizia.

Anche la seconda versione del decreto presidenziale, corretta in alcuni punti ritenuti problematici rispetto alla precedente, è stata bloccata a poche ore dalla sua entrata in vigore da un giudice federale delle Hawaii e numerosi altri tribunali stanno esaminando il contestato testo.

Per il magistrato dell’arcipelago sul Pacifico, Derrick Watson, il decreto contiene “prove significative e inconfutabili di animosità religiosa” e comporta a suo giudizio il “rischio probabile” di creare un “pregiudizio irreparabile”. In sostanza viene ritenuta discriminatoria la selezione delle entrate negli Stati Uniti in base alla nazionalità di provenienza.

A nulla è quindi valsa l’esclusione dal provvedimento dei titolari di un permesso di residenza e il depennamento dell’Iraq dalla lista dei sette paesi musulmani ai cui cittadini viene vietato provvisoriamente l’ingresso negli Stati Uniti (Siria, Iran, Somalia, Libia, Yemen e Sudan).

Ricevuta la notizia nel corso di un incontro con il suo elettorato in Tennessee, Donald Trump ha inveito contro quello che giudica “un abuso senza precedenti” da parte dei giudici e ha promesso di continuare a lottare per rendere sicure le frontiere americane. A questo scopo il presidente ha affermato che questa volta è disposto a giungere fino alla Corte Suprema. 

tvsvizzera/spal con RSI (ZG del 16.3.2017)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×