Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

openArt, installazioni e sculture in prati e boschi

La più grande esposizione all'aperto della Svizzera italiana ospita quest'anno oltre 400 opere di 66 artisti, da 8 diversi Paesi

È aperta fino al prossimo 9 ottobre openArt, rassegna internazionale di scultura e installazioni che presenta anche quest'anno centinaia di opere nei boschi e nei prati di Roveredo. Distribuita su 15 ettari di terreno, è la più grande esposizione all'aperto della Svizzera italiana.

Da 17 artisti a 66: in sedici edizioni openArt ha raccolto sempre più adesioni e consensi, portando quest'anno nella località Trii di Roveredo oltre 400 opere di artisti provenienti da 8 diversi Paesi.

openArt permette di vedere e acquistare le nuove creazioni di artisti svizzeri o internazionali, ma è anche un luogo di incontro e confronto tra appassionati d'arte per i quali la rassegna estiva è ormai meta obbligata. Tra gli affezionati anche un artista losonese che ha portato qui già 20 opere in 8 anni.

"Ogni anno si è stimolati a creare delle nuove opere", spiega Paolo Grassi, "a confrontarsi con un pubblico che magari è lo stesso, che ti critica e ti giudica, e puoi riconoscere se sei migliorato negli anni".

Quasi 30'000 visitatori varcano ogni anno i confini del parco naturale, lasciandosi ispirare dalle più sviariate sculture e installazioni distribuite sui suoi 15 ettari di boschi e prati.

"Visitatori che vengono una volta e poi tornano ogni anno, perché è anche una bella passeggiata per i bambini", osserva l'ideatore e curatore Luigi a Marca. "Vengono anche le scuole e per me è molto importante dare ai più giovani la possibilità di confrontarsi con l'arte".

L'esposizione è aperta fino al prossimo 9 ottobre, tutti i giorni tranne il lunedì.

×