Navigation

Muore dopo dimissioni dall'ospedale, medico a processo

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 12 marzo 2018 - 19:33
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 12.3.2018)

Un vice primario dell’Ospedale regionale di Lugano dovrà comparire davanti ai giudici per la morte di una 25enne avvenuta sei anni fa per una tromboembolia polmonare.

Secondo la Procura cantonale il medico avrebbe commesso una serie di negligenze poiché non avrebbe diagnosticato la patologia e rilasciò la paziente, che morì nel giro di due settimane, senza disporre ulteriori accertamenti. Da parte sua il medico, accusato di omicidio colposo, respinge ogni responsabilità.

La giovane, dopo essere svenuta, si presento all’ospedale il 20 novembre del 2012 ma venne dimessa, anche su sue pressioni, dopo solo una notte. la 25enne accusò un nuovo malore il successivo 8 dicembre e venne ricoverata d’urgenza all’Ospedale Italiano dove spirò per una tromboembolia. 

L’inchiesta ha inizialmente coinvolto 5 persone, tra le quali tre medici e due assistenti dei due ospedali luganesi ma le porte del tribunale di apriranno solo per il vice primario dell’Ospedale Civico.   

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.