Navigation

Violenti scontri a Gaza, l'esercito spara sui manifestanti

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 30 marzo 2018 - 18:48
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 30.3.2018)

Almeno 17 persone sono morte e altre diverse centinaia sono rimaste ferite nel corso di scontri scoppiati tra manifestanti e reparti dell’esercito israeliano nella Striscia di Gaza.

Fonti dell’esercito hanno riferito che i militari hanno subito il lancio di bombe incendiarie e di sassi da parte di circa 17'000 manifestanti lungo la frontiera. Tra i manifestanti, riportano queste fonti, vi sarebbero terroristi infiltrati.

In mattinata si era avuto notizia del decesso di un agricoltore 27enne raggiunto da schegge di un proiettile di artiglieria sparato da carri armati israeliani di stanza al confine orientale dell'area di al-Qarara, a nord-est di Khan Younis, secondo quanto ha riportato l’agenzia palestinese Wafa. Nel corso della giornata però il bilancio delle vittime si è aggravato sensibilmente.

Da parte sua l'esercito israeliano ha detto che una ragazzina palestinese di 7 anni è stata "mandata verso Israele per superare la barriera difensiva" durante gli scontri di oggi. Per Tel Aviv Hamas "cinicamente usa donne e i bambini, inviandoli verso la frontiera e mettendo in pericolo le loro vite". L'autorita nazionale palestinese (ANP) ha chiesto l'intervento della comunità internazionale "per far cessare lo spargimento di sangue".  

Vicino alla barriera difensiva con lo stato ebraico era prevista la 'Marcia per il Ritorno' nell'ambito del 'Land Day', una manifestazione appoggiata da Hamas che ha chiamato la popolazione alla partecipazione alla fine delle preghiere in moschea del venerdì.

Ogni 30 marzo vengono infatti ricordati i fatti svoltisi 42 anni fa quando furono uccisi sei arabi israeliani che stavano protestando contro l'esproprio di terre di proprietà palestinese. La mobilitazione durerà fino al 15 maggio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.