Navigation

La Gran Bretagna teme nuovi attacchi terroristici

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 settembre 2017 - 14:19
tvsvizzera.it/fra con RSI

Sono già centinaia i militari britannici dispiegati in queste ore a protezione di obiettivi sensibili nell'ambito dell'operazione Tempora, annunciata venerdì dalla premier Theresa May dopo l'attentato alla metropolitana di Londra e parallelamente all'innalzamento del livello di allerta nazionale a "critico", che presuppone minacce d'altri attacchi imminenti.

Contenuto esterno


Sono state così alleggerite le incombenze della polizia per dirottare un migliaio d'agenti nella caccia all'uomo di chi è sospettato di aver piazzato l'ordigno sul treno. Stando ai media, centinaia di poliziotti sono stati destinati a setacciare fotogramma per fotogramma le immagini delle telecamere a circuito chiuso disseminate nelle stazioni della metropolitana londinese, per tracciare i movimenti di almeno un individuo sospetto che pare sia stato identificato fin da ieri.

Scotland Yard non ha peraltro precisato se la caccia all'uomo riguardi una o più persone, mentre la rivendicazione del sedicente Stato islamico (Isis) rilanciata in serata dal SITE Institute (una società statunitense con sede a Bethesda, in Maryland, che si occupa di monitorare le attività on line dei jihadisti) fa riferimento alla presunta azione di "un distaccamento", come a lasciar immaginare una rete di complici dietro l'attentato. Attentato andato a segno solo parzialmente e che in totale ha provocato 29 feriti non gravi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.