La televisione svizzera per l’Italia

Obama a Zurigo: “Quando sorge un problema, si guarda sempre a Washington”.

L’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha condiviso con un pubblico affascinato a Zurigo, sabato sera, le sue intuizioni sulla macchina governativa e le sue riflessioni sul ruolo del suo Paese sulla scena mondiale.

Durante la sua prima apparizione in Svizzera, Obama ha rivelato che ciò che lo ha colpito di più durante i suoi otto anni di presidenza è stata la necessità di perseverare per realizzare il cambiamento.

“C’è una grande macchina dietro il governo degli Stati Uniti e spesso è più difficile di quanto si pensi metterla in moto”, ha detto al presentatore televisivo tedesco Klaas Heufer-Umflauf sul palco dell’Hallenstadion durante una conversazione durata un’ora.

Ha paragonato il suo precedente ruolo di capo di Stato a quello di capitano di un grande battello a vapore transoceanico: “Sei al timone, ma ti accorgi che non riesci a manovrarla come un motoscafo”, ha detto, aggiungendo che bisogna continuare a fare piccoli aggiustamenti ed essere persistenti.

Sei anni dopo aver lasciato la Casa Bianca, Obama ha affermato di ritenere che il suo Paese svolga ancora un ruolo importante in un mondo multipolare. “Quando sorge un problema da qualche parte nel mondo, guardiamo sempre a come Washington risponde”, ha detto.

Alla domanda su quale sarà la sua eredità, Obama ha risposto: “È troppo presto per un necrologio”.

Il quarto Obama più popolare

L’ex leader democratico ha anche dato prova di ironia, conquistando il pubblico di oltre 10’000 persone con aneddoti dei suoi giorni alla Casa Bianca.

“Lo Studio Ovale è molto più piccolo di quello che si vede nei film”, ha detto. “Quando si entra, la prima volta si rimane quasi un po’ delusi”.

Ha anche scherzato sul fatto di essere “solo il quarto Obama in termini di popolarità, dopo mia moglie Michelle e le mie figlie Sasha e Malia, che sono più importanti di me”.

I membri della sezione svizzera dell’organizzazione Democrats Abroad sono arrivati in anticipo con un cartello di benvenuto a Obama. “Siamo estremamente felici che Obama sia in Svizzera per la prima volta”, ha dichiarato Leedonal Moore, segretario internazionale del gruppo, alla televisione pubblica svizzera SRF. “Ha un impatto incredibile sulle persone”.

L ex presidente Barack Obama arriva all Hallenstadion di Zurigo con una scorta di sicurezza
Obama è arrivato all’Hallenstadion in un contesto di alta sicurezza organizzato dalla città di Zurigo e dai servizi segreti statunitensi. © Keystone / Walter Bieri

La città di Zurigo ha garantito la sicurezza durante la visita dell’ex presidente, in collaborazione coi servizi segreti statunitensi, responsabili della sicurezza degli attuali e degli ex inquilini della Casa Bianca. Davanti all’ingresso del palazzetto multifunzionale, alcuni manifestanti hanno denunciato le “politiche di guerra” di Obama durante i suoi anni al potere.

I biglietti per l’evento, intitolato “Una serata con il presidente Barack Obama”, andavano da 59 franchi svizzeri (66 dollari) a oltre 2’500 franchi per i biglietti VIP, che davano ai possessori l’accesso al tappeto rosso, l’invito a una festa pre-evento e la possibilità di essere fotografati con Obama.

Il popolare ex presidente parteciperà a eventi simili organizzati da expansion.space, una divisione della società di intrattenimento dal vivo Streetlife International, ad Amsterdam lunedì e a Berlino mercoledì.

Attualità

Il primo ministro britannico Rishi Sunak.

Altri sviluppi

Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio

Questo contenuto è stato pubblicato al La convocazione è anticipata così di circa 6 mesi rispetto alla scadenza naturale della legislatura.

Di più Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio
Un neonato accudito dal padre.

Altri sviluppi

Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il progetto da 24 settimane accolto dal popolo ginevrino non può entrare per ora in vigore: è incompatibile con il diritto federale.

Di più Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere
Bandiera palestinese.

Altri sviluppi

Spagna, Norvegia e Irlanda riconoscono la Palestina

Questo contenuto è stato pubblicato al I tre Paesi europei hanno annunciato che martedì prossimo riconosceranno lo Stato palestinese. Salgono così a undici gli Stati del Vecchio Continente a fare questo passo.

Di più Spagna, Norvegia e Irlanda riconoscono la Palestina
Agenti della polizia federale.

Altri sviluppi

Colpo alla mafia turca, arresti anche in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Perquisizioni nel Canton Argovia e a Zurigo nell'ambito della vasta indagine condotta dalla Procura di Milano contro l'organizzazione di Baris Boyun, il boss turco che soggiornava spesso in Svizzera.

Di più Colpo alla mafia turca, arresti anche in Svizzera
Un treno all'interno della galleria del Lötschberg.

Altri sviluppi

Lavoratori intossicati nella galleria del Lötschberg

Questo contenuto è stato pubblicato al Perdita di una sostanza chimica da un vagone in transito, lievi difficoltà respiratorie per cinque persone all'interno del tunnel. Il traffico ferroviario è stato nel frattempo ripristinato.

Di più Lavoratori intossicati nella galleria del Lötschberg
Klaus Schwab durante l'ultimo WEF.

Altri sviluppi

Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

Questo contenuto è stato pubblicato al Klaus Schwab, fondatore del Forum economico mondiale di Davos (WEF) lascia la sua carica di presidente esecutivo. L'86enne lo ha annunciato martedì in una mail allo staff.

Di più Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR