La televisione svizzera per l’Italia

Obama a Zurigo: “Quando sorge un problema, si guarda sempre a Washington”.

L’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha condiviso con un pubblico affascinato a Zurigo, sabato sera, le sue intuizioni sulla macchina governativa e le sue riflessioni sul ruolo del suo Paese sulla scena mondiale.

Durante la sua prima apparizione in Svizzera, Obama ha rivelato che ciò che lo ha colpito di più durante i suoi otto anni di presidenza è stata la necessità di perseverare per realizzare il cambiamento.

“C’è una grande macchina dietro il governo degli Stati Uniti e spesso è più difficile di quanto si pensi metterla in moto”, ha detto al presentatore televisivo tedesco Klaas Heufer-Umflauf sul palco dell’Hallenstadion durante una conversazione durata un’ora.

Ha paragonato il suo precedente ruolo di capo di Stato a quello di capitano di un grande battello a vapore transoceanico: “Sei al timone, ma ti accorgi che non riesci a manovrarla come un motoscafo”, ha detto, aggiungendo che bisogna continuare a fare piccoli aggiustamenti ed essere persistenti.

Sei anni dopo aver lasciato la Casa Bianca, Obama ha affermato di ritenere che il suo Paese svolga ancora un ruolo importante in un mondo multipolare. “Quando sorge un problema da qualche parte nel mondo, guardiamo sempre a come Washington risponde”, ha detto.

Alla domanda su quale sarà la sua eredità, Obama ha risposto: “È troppo presto per un necrologio”.

Il quarto Obama più popolare

L’ex leader democratico ha anche dato prova di ironia, conquistando il pubblico di oltre 10’000 persone con aneddoti dei suoi giorni alla Casa Bianca.

“Lo Studio Ovale è molto più piccolo di quello che si vede nei film”, ha detto. “Quando si entra, la prima volta si rimane quasi un po’ delusi”.

Ha anche scherzato sul fatto di essere “solo il quarto Obama in termini di popolarità, dopo mia moglie Michelle e le mie figlie Sasha e Malia, che sono più importanti di me”.

I membri della sezione svizzera dell’organizzazione Democrats Abroad sono arrivati in anticipo con un cartello di benvenuto a Obama. “Siamo estremamente felici che Obama sia in Svizzera per la prima volta”, ha dichiarato Leedonal Moore, segretario internazionale del gruppo, alla televisione pubblica svizzera SRF. “Ha un impatto incredibile sulle persone”.

L ex presidente Barack Obama arriva all Hallenstadion di Zurigo con una scorta di sicurezza
Obama è arrivato all’Hallenstadion in un contesto di alta sicurezza organizzato dalla città di Zurigo e dai servizi segreti statunitensi. © Keystone / Walter Bieri

La città di Zurigo ha garantito la sicurezza durante la visita dell’ex presidente, in collaborazione coi servizi segreti statunitensi, responsabili della sicurezza degli attuali e degli ex inquilini della Casa Bianca. Davanti all’ingresso del palazzetto multifunzionale, alcuni manifestanti hanno denunciato le “politiche di guerra” di Obama durante i suoi anni al potere.

I biglietti per l’evento, intitolato “Una serata con il presidente Barack Obama”, andavano da 59 franchi svizzeri (66 dollari) a oltre 2’500 franchi per i biglietti VIP, che davano ai possessori l’accesso al tappeto rosso, l’invito a una festa pre-evento e la possibilità di essere fotografati con Obama.

Il popolare ex presidente parteciperà a eventi simili organizzati da expansion.space, una divisione della società di intrattenimento dal vivo Streetlife International, ad Amsterdam lunedì e a Berlino mercoledì.

Attualità

La capsula Sarco per l'eutanasia assistita.

Altri sviluppi

Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno

Questo contenuto è stato pubblicato al Una nuova associazione di aiuto al suicidio, The Last Resort, ha presentato ufficialmente oggi la capsula per suicidio Sarco. Ma polemiche e dubbi non mancano.

Di più Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno
Veduta del piccolo villaggio di Chaux-du-Milieu

Altri sviluppi

“Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu

Questo contenuto è stato pubblicato al Il piccolo comune neocastellano ha deciso di porre un freno all'arrivo di nuove famiglie sul suo territorio poiché la presenza di molti bambini e bambine sta creando insolubili problemi alle casse pubbliche.

Di più “Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu
Area Schengen in un aeroporto UE.

Altri sviluppi

Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La dotazione globale del fondo per il presidio dei confini UE è di 6,2 miliardi di euro, di cui una cinquantina torneranno nella Confederazione per l'implementazione dei nuovi sistemi di informazione e scambio dati.

Di più Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera
confezioni wegovy ozempic e mounjaro

Altri sviluppi

Iniezioni dimagranti, attesi costi per centinaia di milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il clamore e la curiosità attorno alle iniezioni per la perdita di peso, destinate in primis ai diabetici, stanno facendo lievitare enormemente i costi sanitari.

Di più Iniezioni dimagranti, attesi costi per centinaia di milioni
veicoli posteggiati

Altri sviluppi

Calano in Svizzera le immatricolazioni di veicoli stradali

Questo contenuto è stato pubblicato al Le vendite di veicoli a motore sono scese in giugno: sono stati immatricolati 33'100 auto, camion, bus e moto, con una flessione del 9% rispetto allo stesso periodo del 2023.

Di più Calano in Svizzera le immatricolazioni di veicoli stradali
zelensky

Altri sviluppi

Kiev apre a un dialogo con Mosca

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha aperto la porta a una partecipazione della Russia a un prossimo vertice di pace tra i due Paesi.

Di più Kiev apre a un dialogo con Mosca

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR