Navigation

Spazzare via l'eredità di Obama non sarà facile

Il nuovo Congresso statunitense si è riunito per la prima volta martedì. I repubblicani, in maggioranza sia al Senato che alla Camera dei deputati, hanno la possibilità di sbloccare alcune delle situazioni di stallo createsi durante l’amministrazione precedente. Cancellare quanto fatto in otto anni da Barack Obama non sarà comunque un’impresa facile.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 gennaio 2017 - 10:49
tvsvizzera/ZZ con RSI (TG del 03.01.2017)
Contenuto esterno


Un esempio su tutti: ObamaCare, la riforma sanitaria del precedente inquilino della Casa bianca. È complessa e non può essere spazzata via in un solo colpo. In seno allo stesso partito repubblicano, inoltre, ci sono parecchie divergenze su come sostituirla.

La nuova amministrazione Trump che entrerà in carica il prossimo 20 gennaio gode di un contesto favorevole, ma il partito democratico dovrebbe riuscire comunque a far sentire la propria voce, in particolare in Senato, dove la maggioranza repubblicana è risicata.

In questo contesto sarà particolarmente interessante la nomina del giudice mancante alla Corte suprema, che per essere ratificata necessita una maggioranza di 60 senatori.  

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.