Navigation

Un'unità di difesa informatica per l'esercito

L'esercito svizzero si doterà di un'organizzazione militare di "Cyber Defence". I mezzi disponibili attuali non sono infatti sufficienti per poter affrontare in modo adeguato le minacce in questo settore.

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 marzo 2018 - 16:53
Contenuto esterno


Grazie a una mozione in Parlamento, accolta, l'esercito si doterà di un vero e proprio comando militare formato da 100-150 specialisti informatici e cyberprofessionisti. Questi potranno avvalersi di cybertruppe di milizia composte di 400-660 militari.

I parlamentari hanno poi preferito il termine "organizzazione", anziché "comando", affinché l'esercito possa disporre di un margine di manovra e non sia già definito il tipo di unità organizzativa.

Eliminato anche il termine "cyberbattaglione", poiché si potrebbe erroneamente credere che comprenda formazioni autonome. È invece previsto un impiego combinato di specialisti informatici dell'Amministrazione militare e di militari di milizia e non un impiego autonomo di compagnie o battaglioni.

Le reclute che dimostreranno di avere talento in questo settore potranno ricevere già durante la scuola reclute una cyberformazione prima di essere attribuite a una cyberunità.



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.