Navigation

(Micro) rivoluzione nel mondo dei trasporti

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 19 febbraio 2018 - 21:01
tvsvizzera.it/mar/ats con RSI (TG del 19.2.2018)

L'Ufficio federale dei trasporti ha rilasciato lunedì la prima concessione per autolinee nazionali a lunga percorrenza.

Finora in Svizzera gli autobus a lunga percorrenza riguardavano solo itinerari internazionali, in particolare per quelle tratte in cui l'offerta ferroviaria è debole o inesistente.

La situazione dovrebbe presto cambiare e sarà così possibile recarsi, ad esempio, dall'aeroporto di Zurigo a Lugano in autobus. L'Ufficio federale dei trasporti ha infatti rilasciato alla Domo Swiss Express SA una concessione per tre autolinee: San Gallo – Ginevra Aeroporto, Lugano – Zurigo Aeroporto e Coira – Sion. 

L'impresa ha fornito tutte le conferme necessarie e i documenti comprovanti il rispetto della legge, precisa l'UFT in una notaLink esterno. L'autorizzazione è valida fino al termine del 2020 e stabilisce le fermate servite, così come il numero massimo di corse quotidiane.

L'offerta sarà integrata nell'attuale sistema delle tariffe e dei trasporti pubblici: comprenderà il riconoscimento del sistema d'abbonamenti svizzeroLink esterno. I torpedoni circoleranno una o due volte al giorno in entrambe le direzioni.

Non essendo ammessi i posti in piedi per i bus a lunga percorrenza, sarà obbligatorio effettuare una prenotazione.

Il permesso è stato rilasciato in quanto, durante la consultazioneLink esterno svolta l'estate scorsa presso Cantoni e imprese coinvolte, è emerso che questa nuova offerta non rappresenta una sostanziale concorrenza per i servizi di trasporto esistenti cofinanziati dall'ente pubblico, né compromette quelli non sovvenzionati dallo Stato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.