Navigation

Corte Ue, "Legittimo il divieto del velo al lavoro"

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 14 marzo 2017 - 19:37
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 14.3.2017)

Il divieto del velo islamico all’interno di un’azienda non costituisce di per sé una discriminazione diretta fondata sulla religione e sulle convinzioni personali.

Lo ha stabilito la Corte di giustizia dell’Unione europea secondo la quale le imprese private possono prevedere norme neutrali che proibiscano ai dipendenti di “indossare in modo visibile sul luogo di lavoro qualsiasi segno politico, filosofico o religioso”

La decisione riguarda i casi di due donne che erano state licenziate in Francia e Belgio perché si erano rifiutate di togliere il velo. Per i giudici europei vi può essere disparità di trattamento nel caso in cui l’obbligo di abbigliamento neutrale può svantaggiare gli appartenenti a una determinata religione o ideologia (discriminazione indiretta).

Ma su di essa prevale sempre la finalità legittima del datore di lavoro, come quella di perseguire una politica neutra sul piano religioso e filosofico nei rapporti con i clienti. In questo senso il divieto del velo è particolarmente incisivo nelle attività a contatto con il pubblico, ma deve comunque essere prescritto da una norma interna neutra.  

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.