La televisione svizzera per l’Italia

Neuchâtel mette al bando le terapie di conversione degli omosessuali

Per alcuni è ancora una malattia da curare.
Per alcuni è ancora una malattia da curare. © Keystone / Laurent Gillieron

Analogamente a quanto avvenuto in altri Paesi anche in Svizzera si sta facendo strada il divieto alle terapie di cambiamento dell’orientamento sessuale.

A livello cantonale Neuchâtel è il primo ad approvare una legge in tal senso ma vari atti parlamentari che intendono introdurre il bando di queste pratiche omofobe sono già passati in diversi parlamenti locali e, su piano federale, alla Camera bassa.

A Neuchâtel le nuove norme, accettate dal Gran Consiglio con 99 voti contro 1, condanneranno i soggetti che offrono terapie per cambiare l’orientamento sessuale o che incitano altri a cambiare la propria identità di genere. La legge prende le mosse da un atto parlamentare inoltrato nel gennaio 2022 dai partiti di sinistra.

Per la ministra neocastellana per la coesione sociale Florence Nater la decisione parlamentare è un “segnale forte”. Queste pratiche, ha precisato la consigliera di Stato, hanno sulle persone interessate “effetti devastanti perché si basano sulla falsa idea che l’omosessualità o la transidentità siano una malattia che deve essere curata”.

+ In Svizzera le terapie di conversione continuano a provocare traumi psicologici

Si stima che in Svizzera siano 14’000 le persone che sarebbero state sottoposte a misure di conversione. Il Consiglio nazionale ha approvato una mozioneCollegamento esterno per vietare tali misure nel dicembre 2022 mentre l’altra Camera (Consiglio degli Stati) deve ancora pronunciarsi su questa questione.

Diversi cantoni hanno promosso atti parlamentari contro la diffusione delle terapie di conversione. Basilea CittàCollegamento esterno e LucernaCollegamento esterno hanno approvato due iniziative cantonali nel giugno dell’anno scorso, tuttora pendenti alle Camere federali.

Tali pratiche sono già fuori legge in diversi Paesi, tra cui Francia e Germania. Le terapie di conversione sono sorte alla fine degli anni ’70 negli Stati Uniti e sono arrivare in Europa negli anni 2000. Possono assumere diverse forme e nei casi estremi possono essere accompagnate da minacce e violenza fisica.

In Svizzera due casi sono finiti sotto i riflettori negli ultimi anni, quello di un medico omeopata che esercitava nei cantoni di Ginevra e Vaud e sosteneva di “curare l’omosessualità” e di uno psichiatra che forniva “terapie” analoghe a Svitto.


Attualità

Area Schengen in un aeroporto UE.

Altri sviluppi

Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La dotazione globale del fondo per il presidio dei confini UE è di 6,2 miliardi di euro, di cui una cinquantina torneranno nella Confederazione per l'implementazione dei nuovi sistemi di informazione e scambio dati.

Di più Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera
confezioni wegovy ozempic e mounjaro

Altri sviluppi

Iniezioni dimagranti, attesi costi per centinaia di milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il clamore e la curiosità attorno alle iniezioni per la perdita di peso, destinate in primis ai diabetici, stanno facendo lievitare enormemente i costi sanitari.

Di più Iniezioni dimagranti, attesi costi per centinaia di milioni
veicoli posteggiati

Altri sviluppi

Calano in Svizzera le immatricolazioni di veicoli stradali

Questo contenuto è stato pubblicato al Le vendite di veicoli a motore sono scese in giugno: sono stati immatricolati 33'100 auto, camion, bus e moto, con una flessione del 9% rispetto allo stesso periodo del 2023.

Di più Calano in Svizzera le immatricolazioni di veicoli stradali
zelensky

Altri sviluppi

Kiev apre a un dialogo con Mosca

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha aperto la porta a una partecipazione della Russia a un prossimo vertice di pace tra i due Paesi.

Di più Kiev apre a un dialogo con Mosca
hollandiahutte

Altri sviluppi

Vallese, due alpinisti morti nella Fischertal

Questo contenuto è stato pubblicato al Ennesima tragedia della montagna: i cadaveri di due alpinisti svizzeri di 35 e 44 anni sono stati rivenuti lunedì tra l’Aletschhorn (4193 metri) e il Dreieckhorn (3811 metri).

Di più Vallese, due alpinisti morti nella Fischertal

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR