La televisione svizzera per l’Italia

Navigazione sul Reno, Bruxelles mette all’angolo Berna?

Regole sulla navigazione sul Reno in discussione.
Regole sulla navigazione sul Reno in discussione. Keystone / Oliver Berg

Il Reno, il grande fiume che unisce una buona fetta d’Europa rischia di diventare l’ennesimo inghippo nei (difficili) rapporti tra Svizzera e UE.

Bruxelles vuole uniformare le regole per la navigazione nel lungo corso d’acqua e con questo obiettivo non sembra, agli occhi di Berna, tenere in debita considerazione le esigenze della Confederazione, che peraltro è a pieno titolo membro della Commissione centrale per la navigazione sul Reno (CCNR).

È proprio la CCNR ad assicurare il flusso regolare di merci e persone sul fiume ma ora la Commissione europea intende rafforzare la sua influenza. Secondo un rapporto stilato da Berna, la Commissione europea da una ventina di anni cerca di armonizzare le regole della navigazione sul Reno e centralizzare le competenze a Bruxelles e questa tendenza si è intensificata dal 2021.

+ Svizzera, crocevia del trasporto merci in Europa

Di per sé Berna non è contraria a uniformare le norme in questo ambito ma in caso di centralizzazione delle decisioni il suo peso all’interno della CCNR è destinato a ridursi sensibilmente e si rischia anche su questa questione un braccio di ferro con l’UE, come avviene in altri settori (tecnologie mediche, Borsa di Zurigo). Attualmente è in corso una discussione strategica con i membri della CCNR e la Commissione europea riguardo alla ripartizione delle competenze.

“In quanto Paese senza sbocco sul mare, non possiamo fare a meno dell’Ue per la navigazione sul Reno”, ha rilevato il capo della delegazione elvetica nella CCNR Paul Seger, aggiungendo che anche Germania, Francia, Belgio e Paesi Bassi vogliono lasciare alla CCNR più competenze possibili. “La CCNR è più rapida, migliore e meno costosa”, perché la Commissione europea è a corto di esperti di navigazione, ha osservato il diplomatico elvetico.

Berna ritiene che si possano trovare soluzioni pragmatiche. Secondo Paul Seger, la CCNR deve rimanere autonoma negli ambiti che, anche all’interno dell’UE, sono di competenza degli Stati membri, come le norme di polizia o la sicurezza: si tratta per esempio delle regole di traffico e di priorità sul fiume o dei segnali di navigazione.

Proprio per evitare in futuro qualsiasi conflitto tra la CCNR e l’UE, il diplomatico svizzero lavora a una dichiarazione politica che dovrebbero firmare tutti.

Attualità

Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera
Un treno entra in una stazione di periferia.

Altri sviluppi

Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali

Questo contenuto è stato pubblicato al Per l'insieme della Svizzera, il 94,46% dei treni è arrivato a destinazione con meno di tre minuti di ritardo rispetto all'orario stabilito, contro il 94,92% nell'anno precedente. Nel settore degli autobus, il numero delle corse puntuali si situa sotto la soglia del 90%.

Di più Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali
Un cacciatore.

Altri sviluppi

Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi

Questo contenuto è stato pubblicato al L'abbattimento dei lupi nei Grigioni, a determinate condizioni, sarà estesa quest'autunno per la prima volta ai titolari delle patenti per la caccia alta.

Di più Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi
baume schneider su schermi durante discorso

Altri sviluppi

Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale e direttrice del Dipartimento federale dell'interno (DFI) Elisabeth Baume-Schneider ha invitato i membri dell'OMS a impegnarsi per un'intesa contro le pandemie.

Di più Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR