La televisione svizzera per l’Italia

Navigazione sul Reno, Bruxelles mette all’angolo Berna?

Regole sulla navigazione sul Reno in discussione.
Regole sulla navigazione sul Reno in discussione. Keystone / Oliver Berg

Il Reno, il grande fiume che unisce una buona fetta d’Europa rischia di diventare l’ennesimo inghippo nei (difficili) rapporti tra Svizzera e UE.

Bruxelles vuole uniformare le regole per la navigazione nel lungo corso d’acqua e con questo obiettivo non sembra, agli occhi di Berna, tenere in debita considerazione le esigenze della Confederazione, che peraltro è a pieno titolo membro della Commissione centrale per la navigazione sul Reno (CCNR).

È proprio la CCNR ad assicurare il flusso regolare di merci e persone sul fiume ma ora la Commissione europea intende rafforzare la sua influenza. Secondo un rapporto stilato da Berna, la Commissione europea da una ventina di anni cerca di armonizzare le regole della navigazione sul Reno e centralizzare le competenze a Bruxelles e questa tendenza si è intensificata dal 2021.

+ Svizzera, crocevia del trasporto merci in Europa

Di per sé Berna non è contraria a uniformare le norme in questo ambito ma in caso di centralizzazione delle decisioni il suo peso all’interno della CCNR è destinato a ridursi sensibilmente e si rischia anche su questa questione un braccio di ferro con l’UE, come avviene in altri settori (tecnologie mediche, Borsa di Zurigo). Attualmente è in corso una discussione strategica con i membri della CCNR e la Commissione europea riguardo alla ripartizione delle competenze.

“In quanto Paese senza sbocco sul mare, non possiamo fare a meno dell’Ue per la navigazione sul Reno”, ha rilevato il capo della delegazione elvetica nella CCNR Paul Seger, aggiungendo che anche Germania, Francia, Belgio e Paesi Bassi vogliono lasciare alla CCNR più competenze possibili. “La CCNR è più rapida, migliore e meno costosa”, perché la Commissione europea è a corto di esperti di navigazione, ha osservato il diplomatico elvetico.

Berna ritiene che si possano trovare soluzioni pragmatiche. Secondo Paul Seger, la CCNR deve rimanere autonoma negli ambiti che, anche all’interno dell’UE, sono di competenza degli Stati membri, come le norme di polizia o la sicurezza: si tratta per esempio delle regole di traffico e di priorità sul fiume o dei segnali di navigazione.

Proprio per evitare in futuro qualsiasi conflitto tra la CCNR e l’UE, il diplomatico svizzero lavora a una dichiarazione politica che dovrebbero firmare tutti.

Attualità

vigile del fuoco davanti a una palazzina

Altri sviluppi

Fuochi di artificio all’origine dell’esplosione nel Canton Argovia

Questo contenuto è stato pubblicato al L'esplosione che ha devastato un parcheggio sotterraneo e parte di una palazzina a Nussbaumen è dovuta alla manipolazione e allo stoccaggio non corretti di grandi quantità di materiale pirotecnico importato illegalmente in Svizzera.

Di più Fuochi di artificio all’origine dell’esplosione nel Canton Argovia
schede elettorali

Altri sviluppi

Elezioni federali 2023: immigrazione e potere d’acquisto sono stati i temi più popolari

Questo contenuto è stato pubblicato al In occasione delle ultime elezioni svizzere, le preoccupazioni dell'elettorato riguardavano soprattutto l'asilo, l'immigrazione e il potere d'acquisto. Ad approfittarne sono stati soprattutto l'Unione democratica di centro e il Partito socialista.

Di più Elezioni federali 2023: immigrazione e potere d’acquisto sono stati i temi più popolari
uomo

Altri sviluppi

In Svizzera la scuola inclusiva “ha fallito”

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente del PLR Thierry Burkart ha chiesto l'abolizione della scuola inclusiva. "Ha fallito", ha dichiarato in un'intervista pubblicata oggi dalle testate del gruppo Tamedia.

Di più In Svizzera la scuola inclusiva “ha fallito”
Medico e paziente

Altri sviluppi

Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario

Questo contenuto è stato pubblicato al Considerate ormai obsolete, le tariffe per le cure ambulatoriali in vigore dal 2004 (TARMED) saranno sostituite nel 2026 dalla nuova struttura tariffale per singola prestazione TARDOC e da una struttura tariffale con importi forfettari.

Di più Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario
Rösti nel corso della conferenza stampa del Governo.

Altri sviluppi

“Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”

Questo contenuto è stato pubblicato al Come compromesso all'iniziativa popolare che chiede un abbassamento della quota da destinare al servizio pubblico radiotelevisivo svizzero, il Consiglio federale propone di scendere a 300 franchi.

Di più “Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”
Combattenti di Hezbollah.

Altri sviluppi

Israele potrebbe allargare il conflitto al Libano

Questo contenuto è stato pubblicato al Cresce il timore di uno scontro totale imminente tra Israele e gli Hezbollah libanesi, con conseguenze difficili da prevedere.

Di più Israele potrebbe allargare il conflitto al Libano
L'entrata di una filiale della banca UBS in Ticino.

Altri sviluppi

L’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS non indebolisce la concorrenza

Questo contenuto è stato pubblicato al La concorrenza in ambito bancario in Svizzera non è stata minacciata dall'acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS. È quanto comunica l'Autorità di vigilanza sui mercati finanziari al termine della sua procedura di controllo.

Di più L’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS non indebolisce la concorrenza

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR