Navigation

Tesori egizi "riemersi" in mostra a Zurigo

Franck Goddio, un tempo consulente finanziario, è diventato negli anni '80 uno dei pionieri della moderna archeologia subacquea. Grazie a lui dei tesori sono riemersi dal mare e sono attualmente fra i protagonisti di "Osiris", mostra del Museo Rietberg di Zurigo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 febbraio 2017 - 21:07
tvsvizzera.it/Zz con RSi (TG del 10.02.2017)
Contenuto esterno

“Gli archeologi non erano mai riusciti a ritrovare sulla terraferma queste città menzionate dagli autori antichi, dunque la mia ipotesi era che probabilmente non si trovavano lì e l'unico luogo dove potevano essere era sott'acqua", ha raccontato Goddio alla Radiotelevisione Svizzera, parlando delle città di Canòpo e Heracleion.

Lunghi anni di ricerca nella baia di Abukir e poi la  loro scoperta, nel 1999, ad alcuni chilometri dalla costa.

Da allora gli archeologi hanno riportato in superficie moltissimi oggetti e monumenti. Sono più di 250 quelli ora esposti al Museo Rietberg di ZurigoLink esterno, completati da altri capolavori del museo del Cairo e di Alessandria.

Franck Goddio, archeologo subacqueo e curatore della mostra "Osiris". Keystone


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.